Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia, una campagna UE sul web per promuovere l’efficienza

edilizia-una-campagna-ue-sul-web-per-promuovere-lefficienza.jpg

Stimolare gli investimenti per aumentare l’efficienza energetica in edilizia e la produzione di energia da fonti rinnovabili.

È l’obiettivo della campagna europea “Smart-e-buildings“, interamente basata sulla comunicazione via web. Incentrata intorno allo slogan “Take your energy back!” (Riprenditi la tua energia!), l’iniziativa rientra rientra nel programma comunitario Intelligent energy Europe (Iee) e punta a informare i cittadini e le pubbliche amministrazioni in tema di razionalizzazione dei consumi energetici e di “edilizia intelligente”, utilizzando soprattutto la rete per la diffusione della conoscenza.

Il principale strumento utilizzato dalla campagna “Smart-e-buildings” sarà il portale dell’iniziativa, che contiene informazioni e consigli pratici a disposizione di tutti i proprietari di immobili – pubbliche amministrazioni, imprenditori e privati cittadini – che vogliono progettare edifici ad alta efficienza, oppure ristrutturare immobili già esistenti all’insegna del risparmio energetico e della riduzione dei consumi. Il sito contiene inoltre una raccolta di buone pratiche con tanto di galleria fotografica degli edifici intelligenti.

Accanto al portale, la campagna si snoda attraverso news e curiosità diffuse grazie i principali social network. Utilizzando Twitter, Facebook e LinkedIn, gli internauti potranno dunque condividere le proprie conoscenze, confrontare le rispettive esperienze ed esprimere il loro parere sull’iniziativa europea.

Per quanto riguarda poi gli enti locali, oltre a poter accedere a tutte le informazioni sul web, saranno esplicitamente invitati a diffondere localmente la cultura dell’efficienza energetica e incoraggiare gli investimenti in costruzioni efficienti.

L’obiettivo finale del progetto, che coinvolge associazioni, aziende del settore delle rinnovabili e agenzie, è quello di arrestare la vera e propria “emorragia energetica” di cui sono responsabili gli edifici europei. Al comparto residenziale, infatti, è dovuto addirittura il 40% dei consumi totali del continente, mentre proprio l’obiettivo del “pacchetto clima” legato all’efficienza (aumentarla del 20% entro il 2020 rispetto ai consumi del 1999) sembra ancora molto lontano dall’essere raggiunto.

Fonte: Eco dalle città

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>