Questo articolo è stato letto 0 volte

Efficienza energetica, nuove misure dal Ministero

efficienza-energetica-nuove-misure-dal-ministero.jpg

Ai sensi dell’articolo 5 del D.M. n. 166/2008, è stato emanato il Decreto Direttoriale n. 468 del 19 maggio 2011 che individua le specifiche misure di utilizzo del Fondo per la promozione delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica attraverso il controllo e la riduzione delle emissioni inquinanti e climalteranti, nonché per la promozione della produzione di energia elettrica da solare termodinamico (Art. 2, co. 322 della L. 244 del 2007).

Secondo quanto riportato nel Decreto emanato dal Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo del Mare e del territorio le misure di intervento riguardano:

– l’impiego di fonti rinnovabili integrate nelle strutture edilizie in combinazione con tecnologie per l’efficienza energetica degli edifici;

– la promozione di impianti di trigenerazione ad alta efficienza (almeno l’85%) per la generazione di elettricità, calore e freddo, nei complessi pubblici, nell’edilizia popolare e nei grandi centri di distribuzione e vendita di prodotti di largo consumo, in combinazione con l’impiego di fonti rinnovabili;

– utilizzo del calore derivante da impianti geotermici a bassa entalpia, incluse le pompe di calore nell’edilizia privata e pubblica;

– l’analisi dell’impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti di largo consumo, ai fini dell’individuazione e attuazione delle misure per la riduzione delle emissioni;

Gli interventi proposti dovranno soddisfare le seguenti condizioni:

– esemplarità dell’intervento;

– integrazione tra impiego delle fonti rinnovabili e misure di efficientamento energetico;

– innovazione tecnologica e sua sperimentazione;

– valutazione ex ante e ex post dell’impronta di carbonio degli interventi;

– massimizzazione della riduzione delle emissioni climalteranti;

– eventuale cofinanziamento;

– replicabilità e disseminazione dei risultati;

– monitoraggio dei risultati per un periodo di tempo significativo al fine di verificarne gli effetti.

Fonte: Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>