Questo articolo è stato letto 0 volte

Emergenza casa: primo passo della società di scopo

emergenza-casa-primo-passo-della-societ-di-scopo.gif

L’atto di indirizzo è stato firmato ieri dal ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro. La società prevista dal decreto 159/2007, dovrà promuovere la formazione di strumenti finanziari immobiliari a totale o parziale partecipazione pubblica, per l`acquisizione, il recupero, la ristrutturazione, la realizzazione di immobili ad uso abitativo, anche con l`utilizzo di beni di proprietà dello Stato o di altri soggetti pubblici.

L`atto di intesa firmato ieri costituisce un primo passo. Con un successivo provvedimento dei ministeri interessati sarà poi approvato lo schema di statuto e l`atto costitutivo della società che avrà la forma di spa e vedrà il ministero dell`Economia quale azionista.

Le specifiche competenze per materia del ministero delle Infrastrutture saranno esercitate prevedendo per la societa` un sistema di amministrazione e controllo di tipo dualistico.

La societa` di scopo per l`edilizia abitativa dovrà essere costituita entro il 30 aprile prossimo. La finalita` cui dovra` contribuire e` quella della crescita del patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa, con particolare riguardo a quello a canone sostenibile. L`intervento sara` concentrato nei comuni soggetti a fenomeni di disagio abitativo e ad alta densita` abitativa.

«Un altro tassello si aggiunge alle tante azioni messe in campo per contrastare il disagio abitativo nel nostro paese», ha dichiarato il ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro. «Con la firma di oggi si da` il via alla realizzazione di uno strumento fortemente innovativo che potra` dare in tempi brevi un importante contributo alla soluzione del problema-casa, particolarmente evidente nei maggiori centri urbani del nostro paese».

fonte: www.italiaoggi.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico