Questo articolo è stato letto 0 volte

Emilia Romagna, 12 miliardi dalla CDP per le aree terremotate

emilia-romagna-12-miliardi-dalla-cdp-per-le-aree-terremotate.jpg

Dodici miliardi per le aree terremotate, 6 per la ricostruzione e altrettanti per la copertura della deroga fiscale: è quanto ha determinato la Cassa depositi e prestiti (Cdp), il cui consiglio d’amministrazione ha varato la disponibilità di due plafond che, dopo un accordo con le banche, renderanno immediatamente disponibili i fondi per cittadini e imprese che abbiano subìto danni in seguito al terremoto dello scorso maggio nei territori di Emilia-Romagna, Veneto e Lombardia.

Con questa determinazione, si avviano dunque i meccanismi per accedere sia alle risorse per gli interventi di ricostruzione di abitazioni ed imprese sia per la per la dilazione del pagamento di tributi dei titolari di reddito d’impresa.

Il primo Plafond, dotato di 6 miliardi di euro, replica il meccanismo dell’analogo strumento della Cdp dedicato alla ricostruzione in Abruzzo e appena esaurito. Questo consentirà alla Cassa depositi e prestiti di fornire provvista agli istituti di credito per la concessione di contributi fino all’80% delle spese ammesse ai soggetti danneggiati dal sisma per interventi di riparazione, ripristino e ricostruzione di immobili adibiti ad uso residenziale e ad uso produttivo, inclusi gli impianti e i macchinari. Finanziamenti che come già stabilito saranno disponibili dall’1 gennaio 2013.

Il secondo Plafond permetterà alla Cassa di fornire provvista di scopo agli istituti di credito per la concessione di finanziamenti agevolati a favore dei titolari di reddito d’impresa – che hanno subito danni a seguito del sisma – per la dilazione del pagamento di tributi, contributi previdenziali e assistenziali e premi per l’assicurazione obbligatoria, dovuti allo Stato per effetto della sospensione degli adempimenti da maggio a novembre del 2012 e degli oneri dovuti dal 1 dicembre 2012 al 30 giugno 2013.

Una convenzione sottoscritta da Cdp e banche (Abi) regolerà le modalità di utilizzo della provvista e le caratteristiche dei finanziamenti erogati dagli istituti di credito ai soggetti danneggiati, nell’ambito dei principi già fissati dalle norme, come la durata massima (25 anni) e l’erogazione sulla base degli stati di avanzamento dei lavori finanziati.

I due plafond si aggiungono alle numerose iniziative intraprese da Cdp a sostegno delle popolazioni e delle attività produttive colpite dagli eventi sismici del maggio 2012: dalla sospensione, per tutto il corrente anno, del pagamento degli oneri dei mutui concessi agli enti locali interessati dal terremoto – senza aggravio di interessi – alla costituzione di una specifica misura nel Fri (“Fondo Rotativo Imprese”) dedicata alle grandi imprese; dalla devoluzione alle Regioni di 100 milioni di euro (già stanziati dal bilancio dello Stato in favore di Cdp) per la concessione di contributi in conto interessi, all’introduzione della misura di durata 15 anni nel Nuovo Plafond Pmi, specificamente dedicata alle piccole e medie imprese operanti nei territori colpiti dal sisma.

Fonte: Regione Emilia Romagna

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico