Questo articolo è stato letto 1 volte

Emilia-Romagna: apportate modifiche ai Moduli unici semplificati

emilia-romagna-apportate-modifiche-ai-moduli-unici-semplificati.gif

Moduli unici semplificati, proseguono gli sviluppi di tale percorso sui territori regionali: la Regione Emilia Romagna con determina 3316/2015 ha aggiornato la Modulistica edilizia unificata recependo da una parte le segnalazioni pervenute in merito ad alcune incongruenze riscontrate e dall’altra rendendo il sistema di moduli conforme alla logica di funzionamento del programma informatico utilizzato (Sistema SIEDER).

La determina della Regione reca in apertura il seguente oggetto: “Secondo adeguamento della modulistica edilizia unificata, approvata con l’atto di coordinamento tecnico di cui alla delibera di giunta regionale n. 993 del 07/07/2014″.

Per una visione generale del tema leggi l’articolo Adempimenti in edilizia: le Regioni alle prese con i moduli unici.

Nel testo della determina si fa riferimento alle modifiche intercorse nella disciplina regionale in materia di modulistica edilizia unificata attraverso lo Sblocca Italia (legge 11 novembre 2014, n. 164). In particolare si delineano le motivazioni che rendono necessario l’aggiornamento, affermando: “Rilevato che a partire dal gennaio 2015 diverse amministrazioni comunali e professionisti hanno segnalato alla Regione difficoltà operative incontrate nell’applicazione della modulistica edilizia unificata ed hanno evidenziato talune incompletezze o incoerenze con la normativa vigente; rilevato inoltre che nel corso della predisposizione e sperimentazione di un sistema telematico per la gestione della modulistica edilizia unifica regionale è emersa la necessità di apportare modifiche formali alla struttura dei modelli approvati, per renderli conformi alla logica di funzionamento del programma informatico utilizzato (Sistema SIEDER)”.

Alla luce di ciò la determina elenca le principali correzioni e modifiche necessarie: a partire dalla semplificazione degli Allegati alla modulistica edilizia unificata e dalla rielaborazione dei contenuti di alcune caselle per farle coincidere pienamente con la struttura logica richiesta dai sistemi telematici.

Per consultare le novità in maniera puntuale si rimanda al testo integrale della determina 3316/2015, scaricabile qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>