Questo articolo è stato letto 0 volte

Emilia Romagna, legalità e semplificazione in edilizia

emilia-romagna-legalit-e-semplificazione-in-edilizia.gif

E’ stato firmato in Emilia-Romagna un protocollo sulla promozione della legalita’ e della semplificazione nel settore edile.

Il presidente della Regione, Vasco Errani, ha dichiarato che il settore dell’edilizia ”e’ nel pieno di una forte crisi e occorre un piano nazionale di investimenti intelligenti. Bene il rigore nei conti pubblici e i parametri dell’Unione Europea ma bisogna investire”.

Per Errani ”occorrono investimenti per riavviare il settore”, in particolare in due direzioni ben precise:

1) un ”piano di edilizia residenziale pubblica, perche’ siamo ormai all’emergenza abitativa: interventi – ha spiegato Errani – che guardino alla sostenibilita’ ambientale e al risparmio energetico”;

2) “poi occorre un piano decennale di messa in sicurezza del territorio. Non con grandi o grandissime opere ma con interventi mirati di salvaguardia per evitare, ove possibile, emergenze ambientali”.

Per fare questo ci vorrebbe uno ”sforzo sinergico” da parte di Stato, Regioni, Comuni: ”Ciascuno – ha concluso il presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni – deve fare la sua parte, anche, eventualmente, con una deroga al patto di stabilita”’.

Altro tema toccato è stato quello della sicurezza, in particolare delle infiltrazioni della criminalita’ organizzata:  “è un problema che noi vogliamo guardare in faccia e affrontare con grande determinazione”.

”L’importanza di questo accordo – ha osservato Errani riferendosi al protocollo – sta nella grande collaborazione tra le prefetture, il Ministero dell’Interno, la Regione e le istituzioni locali per affermare sempre piu’ la legalita’  e’ un valore fondamentale dell’economia e della nostra societa”’.

Proprio ”su questo – ha aggiunto Errani – ci sono impegni precisi della Regione con le prefetture per il contrasto alle infiltrazioni della criminalita’ organizzata”.

Testo del Protocollo

Circolare ai Comuni 

 Fonte: Regioni.it

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico