Questo articolo è stato letto 4 volte

Emilia Romagna: parte il programma di rigenerazione urbana

emilia-romagna-parte-il-programma-di-rigenerazione-urbana.gif

La Regione Emilia Romagna ha avviato i nuovi programmi di riqualificazione e valorizzazione urbana, nella consapevolezza della necessità di invertire il modello di sviluppo basato sul consumo di suolo e avviare una nuova legge di governo del territorio improntata alla rigenerazione urbana.

Il primo protocollo di intesa con linee di indirizzo è stato siglato dalla Regione con il Comune di San Lazzaro di Savena, per il progetto di riqualificazione dell’area di circa 10 ettari che ricomprende lo stadio comunale, la piscina e le scuole Jussi. La Regione, condividendo le strategie e le finalità contenute nel progetto del Comune di San Lazzaro, con il protocollo di intesa si impegna a contribuire con un finanziamento di 3 milioni di euro.

L’amministrazione comunale di San Lazzaro ha scelto di riqualificare i propri edifici scolastici, gli impianti sportivi e le aree pubbliche per migliorare l’offerta di servizi ai cittadini e rinnovare il proprio patrimonio edilizio, declinando i propri strumenti di programmazione nel senso del massimo contenimento del consumo di suolo e per innalzare la qualità del paesaggio urbano. In particolare è prevista la riqualificazione della scuola secondaria di primo grado “Jussi” e la demolizione e ricostruzione della scuola primaria “Donini”, con la realizzazione di un unico polo scolastico per scuola media ed elementare. Il masterplan del Comune prevede inoltre la razionalizzazione degli impianti sportivi dello stadio e della piscina comunale di via Kennedy.

La sostenibilità territoriale e ambientale sarà perseguita attraverso il massimo contenimento del consumo di suolo, la realizzazione di nuove costruzioni a consumo di energia “quasi zero” e la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio la promozione del riciclo dei materiali di costruzione e l’uso di tecniche di bio-edilizia che valorizzino le filiere produttive locali. Il masterplan prevede inoltre una nuova configurazione dell’area del parco, attrezzandolo con un percorso vita collegato con la rete dei percorsi ciclopedonali esistenti, di cui è prevista una complessiva ricomposizione come sistema di mobilità dolce del nuovo assetto funzionale.

Questo intervento è paradigmatico di come sarà la nuova legge urbanistica che la Regione scriverà nel 2016 – ha spiegato l’assessore regionale alla Programmazione territoriale Raffaele Donini -. Da un alto punteremo sulla sostenibilità ambientale, quindi non il consumo di nuove zone verdi ma la rigenerazione e la riqualificazione delle nostre città, e dall’altro agiremo per la competitività territoriale e per rendere le città maggiormente qualitative nei servizi erogati e nel livello della qualità della vita. Nel progetto di San Lazzaro ci abbiamo creduto, ne presenteremo presto altri in Romagna. Crediamo che anche questi primi programmi di riqualificazione e valorizzazione urbana approvati possano contribuire alla discussione sulla nuova legge urbanistica. Puntare sulla rigenerazione delle nostre città – ha concluso l’assessore – significa ripensare la logica dello sviluppo, se fino ad oggi abbiamo pianificato zone di espansione urbanistica ora dobbiamo riqualificare zone in disuso e potenziare gli spazi pubblici”.

Fonte: Regione Emilia Romagna

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>