Questo articolo è stato letto 1 volte

Emilia Romagna: piano di azione ambientale

emilia-romagna-piano-di-azione-ambientale.jpg

Ammontano a oltre 2 milioni 600 mila euro i finanziamenti in arrivo dalla Regione Emilia-Romagna per cofinanziare in provincia di Ferrara 16 nuovi interventi in campo ambientale.

Considerando anche l’apporto degli Enti locali, l’investimento complessivo sarà pari a oltre 6 milioni 200 mila euro. E’ quanto prevede per il ferrarese il Piano di azione ambientale regionale 2008-2010, che mette in campo per tutta l’Emilia-Romagna risorse per 26 milioni di euro, in grado di movimentarne almeno il doppio. Ieri a Bologna l’assessore regionale all’ambiente e sviluppo sostenibile Lino Zanichelli e l’assessore provinciale all’ambiente di Ferrara, Sergio Golinelli, hanno firmato l’accordo attuativo valido per questa provincia.

“La firma dell’accordo è importante perché consente di realizzare nei prossimi mesi significativi progetti in campo ambientale – spiega Zanichelli – Parliamo ad esempio di oltre 4 milioni di euro per realizzare nuove stazioni ecologiche o adeguare quelle esistenti in tutto il territorio e per creare un centro innovativo di recupero, di scala provinciale, che porterà a ridurre fortemente la produzione di rifiuti.

L’accordo – conclude l’assessore – si inquadra nel Documento unico di programmazione e di fatto inserisce l’ambiente all’interno di una strategia generale di sviluppo sostenibile, un investimento necessario per rendere forte e competitivo il nostro sistema regionale.”

Gli interventi previsti
L’intervento più significativo che viene finanziato è quello per la realizzazione del “Centro del riuso e del recupero” nei locali dell’“ex Macello” a Ferrara.

Un progetto rilevante per l’impegno finanziario (oltre 2 milioni di euro il costo complessivo di cui 1 milione 250 mila dalla Regione), ma anche per l’impostazione fortemente innovativa che, grazie al coinvolgimento del volontariato e della cooperazione sociale, darà vita ad un luogo ben organizzato di recupero e manutenzione di beni durevoli (dal vestiario ai mobili alle biciclette, ecc.).

Sempre nel campo dei rifiuti vanno segnalati il progetto per la realizzazione del nuovo Centro di raccolta (o stazione ecologica) del Comune di Cento, finanziato con 750 mila euro di cui 112 mila dalla Regione, e i diversi progetti che prevedono l’adeguamento di Centri comunali di raccolta già esistenti nei comuni di Comacchio, Lagosanto, Massa Fiscaglia, Migliaro, Ostellato, Portomaggiore, Voghiera. A Vigarano Mainarda verrà invece realizzato una nuova Stazione ecologica comunale.

Tre gli interventi per qualificare aree verdi e protette. A beneficiarne saranno le aree ZPS “Valle del Mezzano”, “Valle Pega”, “Valle Lepri” e “Dune di Massenzatica”. Previsti anche interventi per il miglioramento della biodiversità nell’area boscata di Volano, di quella della Valle Gaffaro Giralda e nella Pineta Panfilia. Prevista anche la realizzazione di un percorso per persone diversamente abili presso il Centro visite Bacini di Bando.

Due infine gli interventi per migliorare la rete fognaria. Si tratta del collegamento degli scarichi fognari non depurati di Portoverrara all’impianto di Portomaggiore (513 mila euro di cui 234 mila dalla Regione) e dell’eliminazione dell’impianto di depurazione di Francolino con collegamento al depuratore di Ferrara (1 milione di euro di cui 245 mila dalla Regione).

Sempre nella giornata di ieri, a Piacenza l’assessore Zanichelli e l’assessore provinciale all’ambiente Gianluigi Ziliani hanno firmato l’accordo attuativo del Piano valido per questo territorio. Temi caldi, la raccolta differenziata e le energie rinnovabili, ma anche il recupero di aree verdi. Ammontano complessivamente a oltre 2 milioni 500 mila euro i finanziamenti in arrivo dalla Regione per cofinanziare nel Piacentino 27 nuovi interventi in campo ambientale. Considerando anche l’apporto degli Enti locali, l’investimento arriverà a quasi 5 milioni di euro. .

“La firma consente di realizzare nei prossimi mesi significativi progetti in campo ambientale – spiega Zanichelli – Parliamo di 800.000 euro per il nascente Parco del Trebbia, una nuova opportunità per lo sviluppo sostenibile di quel territorio, di 3 milioni per stazioni ecologiche volte ad aumentare la raccolta differenziata, il recupero ed il riciclaggio dei rifiuti, di più di un milione di euro per il risparmio energetico.

L’accordo – conclude l’assessore – si inquadra nel Documento unico di programmazione e consente di inserire l’ambiente all’interno di una strategia di sviluppo sostenibile, un investimento necessario per rendere forte e competitivo il nostro sistema regionale.”

Gli interventi previsti
In primo piano il fiume Trebbia, al quale sono rivolti due diversi progetti dal costo complessivo di 800 mila euro con un finanziamento regionale di circa 600 mila euro.

Un progetto prevede in particolare la realizzazione di percorsi verdi e di aree attrezzate per il pubblico lungo il fiume e nella Riserva naturale del Piacenziano, l’altro il recupero ambientale e naturalistico della conoide del fiume.

Numerosi poi gli interventi per migliorare la raccolta differenziata e la gestione sostenibile del ciclo dei rifiuti. Tra i più significativi l’avvio della raccolta domiciliare nei comuni di Piacenza, Alseno, Fiorenzuola, Cadeo e Pontenure, un progetto dal costo complessivo di oltre 700 mila euro di cui la metà finanziati dalla Regione. Prevista anche la realizzazione o l’adeguamento di diversi centri di raccolta (o stazioni ecologiche) dei rifiuti urbani sia nel comune capoluogo, che in alcuni comuni limitrofi quali Cadeo, Farini, Ponte dell’Olio, Nibbiano, Alsenio, Borgonovo, Castel San Giovanni, Carpaneto. Sul fronte dell’energie rinnovabili due le iniziative finanziate, entrambe a Piacenza. S

i tratta del miglioramento dell’efficienza energetica della scuola media “Calvino” (840 mila euro di cui 330 dalla Regione) e di un intervento analogo nella scuola media “Carducci (275 mila euro di cui 108 mila dalla Regione).

Fonte: www.regione.emilia-romagna.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>