Questo articolo è stato letto 0 volte

Energia in Sicilia

energia-in-sicilia.jpg

Il protocollo d’Intesa siglato dall’assessore all’Industria della Regione Sicilia, Pippo Gianni, dal Comune di Augusta e da Terna, consentirà di realizzare una variante al progetto originario della linea di collegamento a 150 kV con il parziale interramento della linea, una volta che sarà entrato in esercizio il nuovo elettrodotto a 380 kV “Paternò-Pantano-Priolo”.

In particolare, la nuova linea “Paternò-Pantano-Priolo” – a cui è connessa la realizzazione di una nuova stazione di trasformazione a Pantano D’Arci con l’obiettivo di migliorare la qualità del servizio elettrico – consentirà il pieno utilizzo dell’energia prodotta nell’area di Priolo, anche alla luce degli sviluppi previsti, e aumenterà la sicurezza e l’efficienza del sistema elettrico nella zona di Catania.

La realizzazione del nuovo elettrodotto e della nuova stazione 380 kV di Pantano permetterà un programma di razionalizzazione della rete esistente a 150 kV delle Provincie di Catania e Siracusa, con benefici in termini di maggiore affidabilità della rete elettrica e minore impatto della stessa sul territorio.

L’accordo prevede che proprio nell’ambito di tale piano di bonifica della rete, e successivamente all’entrata in esercizio della linea a 380 kV “Paternò-Pantano-Priolo”, sarà possibile realizzare una variante del collegamento a 150 kV con la cabina primaria di Filonero.

In seguito alla costruzione dei raccordi sulla base del nuovo progetto, verrà demolita la parte di elettrodotto già realizzato. La soluzione individuata dal Protocollo è stata resa possibile grazie alla fattiva collaborazione intercorsa tra l’Assessorato all’Industria, Terna S.p.a. ed il Comune di Augusta.

L’assessore all’Industria della Regione Sicilia, che si era personalmente impegnato, a fianco della comunità, per la soluzione del problema, ha espresso grande soddisfazione per l’accordo trovato grazie al quale si prevede di  eliminare anche la parte di elettrodotto già realizzato.

 “Anche Terna è soddisfatta dell’accordo raggiunto” – hanno commentato i tecnici della società che gestisce la rete elettrica di trasmissione. “Decisiva è stata la collaborazione che abbiamo avuto con il comune di Augusta e con l’assessorato all’Industria della Regione Sicilia.

La soluzione individuata va nella direzione di salvaguardare le esigenze di sviluppo del sistema elettrico dell’area con i legittimi interessi delle popolazioni locali.

Questo Protocollo segna un ulteriore passo avanti nell’impegno di Terna a favore di uno sviluppo sostenibile della rete elettrica in Sicilia, dove la società ha programmato investimenti per oltre 700 milioni di euro nei prossimi anni”.

Fonte: www.regione.sicilia.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>