Questo articolo è stato letto 3 volte

ERP, 5 milioni di euro per la realizzazione e il recupero di alloggi in Toscana

erp-5-milioni-di-euro-per-la-realizzazione-e-il-recupero-di-alloggi-in-toscana.gif

Altri 5 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione per la realizzazione di 57 alloggi popolari destinati ad incrementare il patrimonio di edilizia residenziale pubblica del Circondario Empolese-Valdelsa. Si tratta di interventi di recupero di alloggi esistenti, o di costruzione di nuovi, previsti dal piano di interesse regionale per la costruzione e la ristrutturazione di alloggi Erp per il quale sono stati messi a disposizione 90 milioni di euro.

Nell’ultima seduta della giunta regionale è stata approvata la proposta operativa definita dal gruppo tecnico composto da Regione e dal soggetto gestore delle politiche abitative del circondario Empolese-Valdelsa che è Publicasa Spa. Dopo quelli già concertati con Lucca, Pisa, Firenze, Prato, Livorno, Arezzo e Grosseto, anche questo intervento ha lo scopo di rispondere alla grave carenza di alloggi popolari accentuata anche dal progressivo disinteresse evidenziato dalle politiche nazionali nel settore.

Gli interventi contenuti nella proposta riguardano 6 Comuni: Castelfiorentino, Montaione, Vinci, Cerreto Guidi, Fucecchio e Certaldo, ma gli alloggi verranno gestiti in modo da formare una rete a servizio dell’intero Circondario. Verranno recuperati 3 edifici, altri 2 saranno costruiti ex novo ed uno sarà completato dopo che è stato requisito per illecito edilizio. Vediamo più nel dettaglio.

A Castelfiorentino viene proposto il recupero dell’ex scuola in località Cambiano, con realizzazione di 5 alloggi (dimensione minima 30mq, massima 45mq, costo 425 mila euro).

A Montaione si procederà al recupero di parte del complesso della casa di riposo per anziani ‘Villa Serena’ (18 alloggi, dimensione compresa tra 30 e 40mq, 1 milione e 380 mila euro).

A Vinci è previsto il recupero di un edificio inserito negli ex macelli, in via Lamporecchiana, con demolizione e ricostruzione di edificio con struttura in legno (saranno ricavati 4 alloggi da 40mq, 315 mila euro).

A Cerreto Guidi verrà recuperato un fabbricato che si trova in località Poggio Benedetto che è stato requisito dal Comune al termine di una procedura per illecito edilizio (si otterranno 10 alloggi, con superficie compresa tra i 30 e i 55mq, 360 mila euro).

Infine le due nuove costruzioni: a Fucecchio, in via Pio La Torre (12 alloggi tra i 45 e i 60mq, 1 milione e mezzo di euro) e a Certaldo, in via Matteotti (8 alloggi tra i 45 e i 60mq ,1 milione e 20 mila euro).

Per le ristrutturazioni saranno impiegate tecniche di riqualificazione energetica mentre quelli di nuova costruzione saranno progettati con criteri e soluzioni che facciano tendere a zero il bilancio dei consumi energetici e possibilmente all’autosufficienza energetica. Inoltre nella progettazione degli interventi saranno valorizzati spazi di socialità, in modo da dare risposte innovative anche per categorie sociali che attualmente non trovano risposte adeguate.

Secondo il crono programma il primo cantiere (Montaione) dovrebbe aprirsi a luglio 2013. La consegna degli alloggi è prevista per i primi mesi del 2016.

Fonte: Regione Toscana

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>