Questo articolo è stato letto 6 volte

Fabbricati rurali, la legge di stabilità è l’ultima speranza per una proroga?

fabbricati-rurali-la-legge-di-stabilit-lultima-speranza-per-una-proroga.jpg

E’ scaduto lo scorso 30 novembre il termine per l’accatastamento dei fabbricati rurali. Nei giorni scorsi sembrava possibile una proroga retroattiva della scadenza, ma l’emendamento presentato nel testo del ddl fiscale non è stato accettato.

Ora un ultimo barlume di speranza potrebbe accendersi con la legge di stabilità, ultimo provvedimento approvato dal Governo Monti, dimissionario in questi giorni.

Nel caso non arrivasse lo slittamento, tanto agognato dai professionisti, resta da chiedersi cosa faranno per il pagamento dell’IMU i proprietari di immobili rurali iscritti al catasto terreni e le cui pratiche non sono state perfezionate in tempo?

Ricordiamo, infatti, che la migrazione dal catasto terreni al catasto civile urbano dei fabbricati rurali era stato deciso dal Decreto Salva Italia per consentire l’emersione al fisco di questi immobili, in modo da poterli assoggettare all’IMU. E la scadenza per il saldo IMU è prossima: il 17 dicembre 2012.

Iniziamo con il dire che, comunque, i proprietari di fabbricati rurali non ancora accatastati saranno costretti al pagamento di una sanzione. Se la pratica di trasferimento al catasto urbano avverrà entro 90 giorni dal termine scaduto del 30 novembre (quindi fino al 28 febbraio 2013), la sanzione da pagare sarà ridotta e ammonterà a 104 euro.

Ma per il pagamento dell’IMU? Come sottolinea in una recente circolare il CNG, il Decreto Salva Italia consente il pagamento dell’imposta municipale sugli immobili anche sulla base di una rendita presunta o provvisoria di unità similare già iscritta in Catasto.

È dunque in ragione di questo elemento che il Collegio nazionale dei Geometri e dei Geometri Laureati consiglia fino al 17 dicembre 2012(scadenza del saldo IMU) di indicare ai proprietari di fabbricati rurali una rendita presunta, calcolata per l’effettiva consistenza dell’immobile, con la quale gli stessi proprietari, potranno pagare l’IMU entro i termini di legge (consulta la Mappa delle Aliquote IMU d’Italia).

Non si scappa, invece, dal pagamento della sanzione (ancorché ridotta) dovuta al ritardo della presentazione della domanda di accatastamento fabbricati rurali, evitabile o modificabile solo in un caso: l’inserimento della proroga contenuta nell’emendamento Izzo (o in un nuovo emendamento) in qualche altro dispositivo legislativo di fine anno.

Fonte: Ediltecnico

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>