Questo articolo è stato letto 0 volte

Fase 2 per la Torino-Lione

fase-2-per-la-torino-lione.gif

La linea ad alta velocità Torino-Lione va avanti e passa alla fase 2, quella della progettazione unitaria dal confine francese fino alla connessione con l’attuale Torino-Milano.

Al termine della riunione del tavolo istituzionale – svoltasi il 29 luglio a palazzo Chigi alla presenza del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, del ministro delle Infrastrutture, Altero Matteoli, dell’assessore regionale ai Trasporti, Daniele Borioli, del presidente della Provincia di Torino, Antonio Saitta, dei sindaci della Valsusa – le previsioni sono ottimistiche: se si rispetteranno i tempi l’Italia sarà in linea con il calendario europeo da cui dipende il finanziamento.

Il progetto non sarà reinserito nella Legge Obiettivo, né al momento si può prevedere un aumento di costi, mentre è confermata la stretta collaborazione con gli enti locali e lo stesso metodo di lavoro adottato in precedenza dall’Osservatorio per il collegamento ferroviario guidato da Mario Virano.

Durante l’incontro è stata raggiunta un’intesa in otto punti – siglata da tutti ad eccezione dei primi cittadini dei Comuni interessati, che prima vogliono riferire ai rispettivi Consigli – che tra l’altro prevede entro settembre la definizione degli interventi necessari al potenziamento del trasporto locale in base alle richieste fatte dai sindaci, entro ottobre l’impegno di attivare tutte le iniziative necessarie al riequilibrio modale per togliere dalle strade alpine 100mila tir nel triennio.

L’amministratore delegato delle Ferrovie, Mauro Moretti, ha messo a punto un pacchetto di misure per il potenziamento del trasporto passeggeri e merci. Le procedure di gara per il progetto preliminare dovranno essere espletate in autunno e concludersi entro il 2008 o al massimo entro l’inizio del 2009. Ci vorranno quindi 10-12 mesi per la preparazione del progetto preliminare per giungere all’apertura dei lavori nel 2013.

Fonte: www.regione.piemonte.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico