Questo articolo è stato letto 0 volte

Finanziaria 2008: si vieta alle pubbliche amministrazioni di inserire clausole compromissorie nei loro contratti di lavori, forniture e servizi

L’articolo 86 della Finanziaria 2008 vieta alle pubbliche amministrazioni (di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165) di inserire clausole compromissorie in tutti i loro contratti di lavori, forniture e servizi, e di sottoscrivere compromessi relativi agli stessi contratti. La clausola compromissoria inserita nel contratto è un accordo preventivo tra le parti che prevede di devolvere le controversie eventuali e future ad un collegio arbitrale nominato di comune accordo dalle parti.

Per quanto riguarda i contratti di forniture e servizi già sottoscritti alla data di entrata in vigore dell’articolo 86, e per le cui controversie i collegi arbitrali non si sono ancora costituiti al 30 settembre 2007, le PA sono tenute a declinare la competenza arbitrale, ove tale facoltà sia prevista nelle clausole inserite nei contratti; dalla data della comunicazione opera esclusivamente la giurisdizione ordinaria.
I collegi arbitrali, eventualmente costituiti successivamente al 30 settembre 2007 e fino alla data di entrata in vigore della Finanziaria, decadono automaticamente e le spese sono integralmente compensate tra le parti. Le somme risparmiate grazie a questa disposizione saranno riassegnate al Ministero della giustizia per il miglioramento del servizio.

L’abolizione dell’arbitrato è stata fortemente voluta dal Ministro per le Infrastrutture, Antonio Di Pietro, per frenare le ingenti spese sostenute dallo Stato per questo tipo di contenziosi. Il costo del giudizio arbitrale è infatti molto più elevato del giudizio ordinario; a ciò si aggiunga che le pubbliche amministrazioni hanno perso circa i due terzi delle cause, con un esborso di oltre 320 milioni di euro, al netto delle spese per lo svolgimento del giudizio. Solo pochi arbitrati si chiudono entro i termini.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico