Questo articolo è stato letto 0 volte

Fondi per la mobilità sostenibile in Sardegna

fondi-per-la-mobilit-sostenibile-in-sardegna.gif

La Regione ha programmato le risorse comunitarie 2007-2013 relative all’Asse 5 sullo sviluppo urbano. L’obiettivo operativo "Ottimizzare la mobilità sostenibile, la rete dei collegamenti e i servizi di accesso" prevede finanziamenti per circa 175 milioni di euro.

"La parte più cospicua, vale a dire 49 milioni di euro – ha spiegato l’assessore regionale dei Trasporti, Sandro Broccia –, riguarda la realizzazione del 2° lotto della rete metropolitana dell’Area vasta di Sassari e l’elettrificazione della tratta Sorso-Sassari: quest’ultima diventerà parte integrante del sistema di metropolitana di superficie".

“Venticinque milioni – ha sottolineato Broccia ¬– sono stati destinati al raccordo ferroviario nel porto industriale di Porto Torres, dove sarà possibile effettuare carico e scarico sui treni merci destinati poi a tutta l’isola. Previsti, inoltre, interventi nella rete ferroviaria Cagliari-Carbonia/Iglesias e San Gavino-Sassari-Olbia, che permetteranno di risparmiare preziosi minuti in quelle tratte”.

Con 30 milioni 200mila euro sarà possibile realizzare i Centri intermodali di Nuoro, Oristano, Macomer e Iglesias, e completare le stazioni di Villasor, Serramanna, Samassi, Sanluri, San Gavino e Villamassargia. Previsti interventi di riqualificazione in altre stazioni e in alcuni nodi di scambio.

Tra i fondi Por Fesr 2007-2013 sono stati individuati 30 milioni di euro da destinare all’eliminazione delle intersezioni a raso e alla riqualificazione della Strada statale 554.
“Si tratta del secondo intervento su questo importantissimo asse viario – ha spiegato l’assessore regionale dei Lavori pubblici, Carlo Mannoni -. Vanno infatti ad aggiungersi ai 30 milioni di euro già stanziati dalla Giunta regionale per il rifacimento della S.S. 554, mentre i residui 30 milioni saranno individuati tra i fondi Fas”.

I fondi Por, ha sottolineato Mannoni, “non consentono finanziamenti per le strade, ma soltanto interventi nelle aree urbane.

Infatti li utilizzeremo per i nuovi svincoli: tra questi, forse il più importante al momento appare quello che consentirà ai residenti di Mulinu Becciu di immettersi sulla S.S. 554 senza inutili e lunghi percorsi alternativi”. La priorità, tuttavia, resta quella di liberare gli accessi agli ospedali e al polo universitario di Monserrato. I primi appalti riguarderanno le zone di Mulinu Becciu, Barracca Manna e Quartu Sant’Elena.

Altri 22 milioni di euro sono stati riservati all’integrazione dei sistemi di trasporto extraurbano e urbano nelle Aree vaste di Cagliari e Sassari, attraverso l’acquisto di tram-treni a trazione bimodale: alimentazione elettrica da diesel fuori dai centri abitati, e da rete nel contesto urbano.

I nuovi mezzi percorreranno la tratta da Isili al centro di Cagliari (piazza Repubblica) in un’ora, contro i 76’ attuali. “Con altri fondi, pari a 47 milioni di euro – ha annunciato l’assessore Broccia – sarà possibile sostituire i binari con materiale che sopporti velocità più elevate: questi interventi riguarderanno le tratte Sassari-Alghero, Nuoro-Macomer e Cagliari-Isili”.

Infine, altri interventi del Por riguardano la bigliettazione elettronica e l’integrazione tariffaria (8 milioni), il Sistema informativo dei trasporti (4 milioni), il completamento di investimenti già realizzati dalla Regione per la localizzazione delle flotte (un milione di euro) e la realizzazione di servizi innovativi alla persona (5 milioni: il progetto, affidato agli Assessorati regionali dei Trasporti e della Sanità, prevede l’acquisto di autobus attrezzati per l’accesso e la mobilità delle persone con disabilità).

Testo della delibera

Contenuti del Por – Fesr 2007 – 2013

Fonte: www.regione.sardegna.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico