Questo articolo è stato letto 0 volte

Friuli: ciclo integrato acque

friuli-ciclo-integrato-acque.gif

L’Ato sta predisponendo il piano triennale degli interventi che prevede la realizzazione di acquedotti, l’ammodernamento e la riduzione di fognature ed impianti di depurazione laddove vetusti e numerosi.
L’ammodernamento implica però una rivisitazione delle tariffe che sono destinate ad aumentare laddove l’acqua viene già pagata o ad essere introdotte nei paesi che si servono ancora dell’acqua di pozzo.

"Il senso civico dei cittadini aiuterà a comprendere che l’economizzazione del bene-acqua è improcrastinabile; purtroppo la risorsa è in esaurimento e una precisa politica di ottimizzazione si è resa necessaria per salvaguardarla ed evitare inutili sprechi".
"La situazione gestionale più complessa si presenta in Provincia di Udine – ha evidenziato l’assessore regionale all’Ambiente Vanni Lenna- sia per caratteristiche orografiche che ‘culturali’. In quest’area, traghettare gli attuali gestori fino alla costituzione del gestore unico, nel 2011, è operazione più complessa che altrove. La mia presenza all’assemblea sta proprio a significare la vicinanza della Regione ai Comuni, ai sindaci in particolare, che da un lato devono affrontare l’opinione pubblica, ma dall’altro sono chiamati a lavorare in sinergia per definire i criteri di economizzazione dell’acqua al fine di rendere l’Ato un soggetto autonomo".

"La tariffazione dell’acqua è una scelta improcrastinabile, dobbiamo affrontarla con gradualità in modo che incida il minimo possibile sui cittadini. Le risorse pubbliche non consentono più di sobbarcarsi l’onere del sistema idrico, e neppure di sostituzione degli impianti –  ha aggiunto -. Inizialmente possiamo garantire la nostra vicinanza mettendo a disposizione un fondo regionale che dia avvio ai lavori di costituzione degli ambiti territoriali", ma Lenna ha rimarcato la necessità che ognuno di essi riesca a mantenersi in forma autonoma e lo strumento suggerito è la creazione di un tavolo "in cui si possano trovare le mediazioni esplicite per far fronte, in una fase iniziale, alle criticità e successivamente ai problemi di gestione" .

Fonte: www.regione.fvg.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico