Questo articolo è stato letto 0 volte

Governo del territorio in Calabria

governo-del-territorio-in-calabria.gif

È stato pubblicato sul sito web della Regione Calabria, la bozza del documento preliminare del Quadro territoriale regionale a valenza paesaggistica che l’Ente, attraverso l’assessorato all’Urbanistica e Governo del Territorio, sta redigendo in attuazione della Legge urbanistica della Calabria 19/02.

“Coerentemente con il metodo già messo in atto nel 2005 per la redazione delle Linee guida della pianificazione regionale, approvate dal Consiglio nel 2006, a integrazione delle attività di concertazione istituzionale già in atto con le Province e le città capoluogo e con i Parchi nazionali – ha affermato l’assessore Michelangelo Tripodi – ho voluto attivare la partecipazione allargata mettendo on line la bozza di lavoro del Documento preliminare, quale documento aperto rispetto al quale l’intera comunità calabrese può fare osservazioni, dare suggerimenti e fare proposte sulle scelte strategiche del piano e sulle visioni future proposte e può condividere il quadro conoscitivo, prima che lo stesso documento venga presentato alla Giunta regionale per la sua approvazione e diventi oggetto di confronto nelle Conferenze di pianificazione”. […]

“Il Quadro territoriale regionale a valenza paesaggistica – ha spiegato Tripodi – è uno strumento di indirizzo per la pianificazione del territorio con il quale la Regione, in coerenza con le scelte e i contenuti della programmazione economico-sociale, stabilisce gli obiettivi generali della propria politica territoriale e indirizza, ai fini del coordinamento, la programmazione e la pianificazione degli enti locali”.

In linea con quanto previsto dalla legge il documento preliminare del Qtrp definisce gli indirizzi strategici e le scelte di fondo per lo sviluppo del territorio calabrese, attraverso la prefigurazione di una immagine di insieme, l’impostazione delle strategie di organizzazione del territorio e del paesaggio, nonché la programmazione dei principali interventi.

“Il suddetto documento – ha aggiunto l’assessore – ha un ruolo importante nel processo di costruzione del Quadro territoriale paesaggistico in quanto rappresenta l’occasione principale per elaborare idee guida e soluzioni di assetto del territorio regionale con il coinvolgimento attivo delle rappresentanze delle collettività locali e con il contributo delle Province e dei principali soggetti istituzionali che, a vario titolo, hanno responsabilità nel governo delle trasformazioni del territorio.

Un’ occasione importante per elaborare, nel rispetto del nuovo modo di intendere la pianificazione, un insieme di visioni di sviluppo del territorio e progetti condivisi di tutela e valorizzazione del patrimonio paesaggistico e ambientale che, grazie alla progettualità concertata, possa assumere una reale valenza di strumento di indirizzo e coordinamento per le azioni sul territorio regionale”.

Il documento preliminare del Qtrp si compone di tre parti:
– lo “schema delle scelte della pianificazione”, che rappresenta la parte progettuale su cui è fondamentale attivare il confronto mirando alla condivisione;
– il “quadro conoscitivo” concepito in modo da essere progressivamente aggiornabile;
– il “rapporto preliminare” sui possibili impatti ambientali significativi redatto nell’ambito della procedura Vas al fine di attivare le consultazioni preliminari e definire i contenuti da inserire nel Rapporto ambientale.

La prima parte è dedicata alle scelte della pianificazione, emerse anche dagli incontri di lavoro che la Regione ha promosso in particolare con le Province impegnate nella redazione dei Piani territoriali di coordinamento provinciale e con il Comuni capoluogo impegnati nella redazione dei Psc.

Questa parte, che si presenta in versione di bozza di lavoro, si articola nei seguenti apparati:
1) Il Quadro programmatico territoriale
2) Lo Schema territoriale (Sterr)
3) Lo Schema paesaggistico ambientale Spae
4) I Laboratori di progetto

Le scelte della Pianificazione contenute del documento preliminare delineano un disegno per lo sviluppo del territorio calabrese nel quale la pianificazione del paesaggio e del territorio è stata assunta come laboratorio per la sperimentazione di una nuova forma di sviluppo ecosostenibile, in grado di dimostrare la praticabilità e la convenienza di un modello diverso da quello praticato finora. […]

“Questo strumento si sta costruendo con modalità innovative basate sostanzialmente su tre principi:

– coerenze multilivello per mettere a sistema le strategie di governo del territorio alle diverse scale e armonizzare gli strumenti nella prospettiva di “un territorio-un piano”;
– convergenze programmatiche per raccordare le previsioni del POR Calabria 2007-13 con le politiche territoriali;
– certezze della tutela per garantire la conservazione del patrimonio vincolato e una più efficace difesa del suolo.

Scelte di pianificazione e obiettivi sono ampiamente illustrati sulla bozza del Documento preliminare che potranno essere oggetto di confronto aperto e condivisione con la comunità calabrese.

In occasione della pubblicazione della bozza del documento preliminare è stato inoltre attivato dal dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio il portale dedicato al Qtrp, un altro strumento di informazione e trasparenza finalizzato tra l’altro a fare partecipare, in maniera attiva i cittadini, alle scelte che la Regione opera in materia di governo del territorio.

Fonte: www.regione.calabria.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>