Questo articolo è stato letto 88 volte

Edilizia Urbanistica

Il Consiglio comunale deve valutare discrezionalmente il degrado di un’area per il rilascio del permesso di costruire in deroga ex art. 5 d.l. n. 70/2011

degrado urbano

Il permesso di costruire in deroga allo strumento urbanistico di cui all’art. 5 commi 9-14 del D.L. n. 70/2011 (convertito in L. n. 106/2011) costituisce un istituto di carattere eccezionale rispetto all’ordinario titolo edilizio, e rappresenta l’espressione di un potere ampiamente discrezionale dell’amministrazione comunale, che si concretizza in una decisione di natura urbanistica in ordine alla opportunità o meno di assentire un intervento costruttivo privato in deroga al vigente strumento urbanistico, laddove esso consenta di razionalizzare il patrimonio edilizio esistente e di riqualificare aree urbane degradate, caratterizzate dalla presenza di funzioni eterogenee, di tessuti edilizi disorganici o incompiuti nonché di edifici a destinazione non residenziale dismessi o in via di dismissione ovvero da rilocalizzare.

Nel contesto della disposizione, il riferimento all’esistenza di “funzioni eterogenee” o di “tessuti edilizi disorganici o incompiuti” o di “edifici a destinazione non residenziale dismessi o in via di dismissione ovvero da rilocalizzare” non individua presupposti autonomi per il rilascio di un permesso di costruire in deroga, ulteriori rispetto a quelli costituiti dalla “razionalizzazione del patrimonio edilizio esistente” e dalla “riqualificazione di aree urbane degradate”, ma intende unicamente esemplificare gli specifici contesti urbani “degradati” in cui la norma trova applicazione.

>> Continua a leggere l’articolo completo qui…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>