Questo articolo è stato letto 2.154 volte

Il professionista commette reato per una “falsa” asseverazione

il-professionista-commette-reato-per-una-falsa-asseverazione.gif

Abbiamo parlato qualche giorno fa dell’asseverazione e della sua importanza per la conformità dell’opera per la quale si richiede il titolo edilizio.

Ora è legittimo chiedersi qual è la conseguenza di un’asseverazione non veritiera. È possibile che venga a concretizzarsi un’ipotesi di reato?

Secondo la giurisprudenza non vi sono ostacoli alla configurabilità del reato di falso ideologico di cui all’art. 481 c.p. in capo al progettista e/o al direttore dei lavori che attestino falsamente la conformità dell’intervento edilizio alle normative urbanistico-edilizio e/o di settore, ovvero lo stato dei luoghi.

Accanto alla responsabilità penale il professionista potrà rispondere anche della responsabilità deontologica a seguito dell’obbligatoria segnalazione, da parte dell’Amministrazione locale, al competente Ordine.

E’ necessario, però, distinguere se la falsa dichiarazione è voluto e quindi il professionista è consapevole che ciò che sta asseverando non corrisponde alla realtà, o se è frutto di un errore o di negligenza.

Per approfondire la responsabilità del professionista tecnico e le conseguenze di una “falsa” asseverazione vi segnaliamo l’articolo “L’asseverazione in edilizia e la configurabilità del reato di falso ideologico (Seconda parte)”, pubblicato in home page nella sezione Approfondimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>