Questo articolo è stato letto 0 volte

IMU, dal 2013 tutta ai Comuni?

imu-dal-2013-tutta-ai-comuni.jpg

“Quando parliamo di Imu dobbiamo distinguere tra il totale dei trasferimenti ai Comuni, dall’architettura complessiva dell’imposta.

Sul primo punto è difficile pensare a consistenti variazioni in questa fase di ristrettezze, mentre sul secondo punto siamo disponibili a ridiscutere con i Comuni per garantire loro la necessaria autonomia finanziaria ed organizzativa”.

Questo in sostanza il ragionamento svolto dal ministro dell’Economia e delle Finanze, Vittorio Grilli, davanti alla platea dei sindaci che attendevano risposte chiare sull’impegno del governo di restituire l’Imu ai Comuni dal 2013.

“Stiamo lavorando con l’Anci ad una possibile revisione dell’architettura dell’Imu, qualche risultato credo che presto lo otterremo”, ha sostenuto il ministro, che poi ha aggiunto: “l’Imu in questo momento è una imposta ibrida, un pezzo va allo Stato ed un pezzo ai Comuni. Il nostro obiettivo è quello di arrivare ad una imposta ‘Comuni su Comuni’, al cui comparto nel complesso deve andare tutto il gettito, ad eccezione della fetta da assegnare al previsto fondo perequativo”.

Da Grilli sono arrivate anche importanti aperture sul patto di stabilità. “Su questo aspetto credo che si possa fare meglio”, ha ammesso il ministro indicando tre possibili linee di miglioramento. Innanzitutto l’idea di ‘un patto intelligente’, che abbia obiettivi coerenti con quanto previsto a livello europeo: “E’ inutile pensare di mettere ulteriori vincoli”, sottolinea. Ancora la possibilità di tenere distinte le spese correnti da quelle di investimento: “Sappiamo che è in corso un dibattito a livello europeo e che questa decisione non la possiamo prendere in autonomia. Ma ci muoveremo perché venga introdotta la golden rule”. Infine il terreno della virtuosità: “bisogna distinguere tra chi opera bene e chi non lo fa, prevedendo adeguate sanzioni per chi ‘sfora’ i vincoli”, ha affermato il ministro dell’Economia. 

“Abbiamo ricevuto dal governo un pezzo di risposte alcune incoraggianti per quanto riguarda l’Imu. Poco invece ci è stato detto sulla revisione del patto di stabilità”. Così il presidente dell’Anci, Graziano Delrio, a margine dei lavori della giornata conclusiva della XXIX assemblea annuale dell’Anci di Bologna.
Per Delrio i rapporti col governo restano comunque “faticosi” soprattutto per quanto riguarda i vincoli e la struttura del patto di stabilità. “Proponiamo modifiche graduali che partano dai piccoli comuni e dagli enti virtuosi. Le risposte però – ha ammonito il presidente Anci – devono arrivare in brevissimo tempo perché il 2013 è alle porte”. 
 
Fonte: Anci

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico