Questo articolo è stato letto 0 volte

Imu prima casa, solo il 5% ha scelto di pagare in 3 rate

imu-prima-casa-solo-il-5-ha-scelto-di-pagare-in-3-rate.jpg

Scadrà fra pochi giorni, il 17 settembre, il termine per effettuare il pagamento della seconda rata dell’Imu. La scadenza interessa i propriateri di prima casa che hanno deciso di effettuare il versamento in 3 tranches.

Secondo gli ultimi dati della CGIA Mestre sono circa 877.000 i contribuenti interessati al pagamento, su circa 16 milioni di contribuenti che a giugno hanno versato l’acconto, pari a circa il 5,5% del totale. 

L’Associazione Artigiani e Piccole Imprese Mestre Cgia ha calcolato che l‘importo della seconda rata per i proprietari delle abitazioni ubicate nei Comuni capoluogo di provincia sarà di circa 131 euro, imposta più cara per chi risiede a Bologna (293 euro), Milano (269 euro), Genova (227 euro), Torino (224 euro), Roma (199 euro) e Bari (196 euro).

In particolare nei Comuni capoluogo la seconda rata dell’Imu costerà mediamente il 62% in più rispetto alla media versata dai proprietari di prima casa ubicata nei comuni della stessa provincia, con picchi più alti a Venezia e a Cagliari (+82%), Torino (+75%), Napoli (+ 69%), a Roma (+66%) e a Milano (+62%).

La situazione si capovolge a Macerata (-7%), Lucca (-19%), Latina (-44%) e a Belluno (-52%) dove nei piccoli Comuni si paga mediamente di più che nel Capoluogo di provincia.

“Queste differenze tra le grandi città e i Comuni di cintura – segnala il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi – sono dovute al fatto che nelle grandi aree urbane le rendite catastali degli immobili sono mediamente più elevate che nei piccoli centri. Tuttavia – conclude Bortolussi – l’applicazione di questa nuova imposta e la raffica di aumenti avvenuta nei mesi scorsi avranno gravi ripercussioni sui bilanci delle famiglie. Visto che il Governo si è riservato la possibilità di modificare le aliquote dell’Imu entro il prossimo 10 di dicembre, auspico che lo faccia quanto prima, alleggerendo il carico fiscale sui contribuenti italiani che mai come in questo momento necessitano di un aiuto. ”

Ricordiamo che dopo le prime 2 rate, ognuna pari a 1/3 dell’importo totale, con il pagamento del saldo entro il 16 dicembre sarà necessario ricalcolare l’imposta (disponibile il nostro software gratuito di calcolo) sulla base delle aliquote determinate dai Comuni entro il 30 settembre 2012 e pagare la differenza.

Fonte: Cgia Mestre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>