Questo articolo è stato letto 0 volte

Infrastrutture e caro materiali

infrastrutture-e-caro-materiali.gif

"In questa fase estremamente critica per i mercati a livello internazionale le costruzioni rappresentano un motore fondamentale che non deve essere spento". 

E` questo il messaggio forte lanciato dal presidente dell`Ance Paolo Buzzetti in una conferenza stampa che si e` svolta nella sede dell`Associazione nazionale costruttori e a cui hanno preso parte il vicepresidente di Confindustria Cesare Trevisani, il presidente dell`Agi Mario Lupo, il presidente di Ancpl Franco Buzzi e quello dell`Oice Braccio Oddi Baglioni.

L`allarme espresso da Buzzetti, e pienamente condiviso da tutti i rappresentanti degli operatori del settore, riguarda i drastici tagli alle risorse per le infrastrutture previsti dalla manovra finanziaria (-14,2%) e la mancata soluzione della grave emergenza provocata dall`impennata dei prezzi dei materiali, che sta mettendo in ginocchio moltissime imprese impegnate nella realizzazione di opere pubbliche.

Due questioni che, se non risolte in tempi rapidi, rischiano di compromettere il decisivo ruolo anticiclico delle costruzioni, creando gravi contraccolpi per l`economia e per l`occupazione del Paese.

"Non va dimenticato – ha sottolineato infatti il presidente dell`Ance  – che il nostro e` il settore che piu` di altri, in questi anni, ha sostenuto il Pil, dando lavoro, con l`indotto, a oltre due milioni e mezzo di persone. E` per questo che chiediamo al Governo di intervenire subito, come e` stato fatto, correttamente, in situazioni come quella di Alitalia, in cui i posti di lavoro in gioco erano 30.000".

Una correzione di rotta sulle risorse, indispensabile anche per consentire di non interrompere il fondamentale processo di adeguamento infrastrutturale del Paese, e una soluzione normativa che garantisca un`effettiva e immediata compensazione alle imprese soffocate dai pesantissimi rincari – che per quanto riguarda il ferro hanno toccato punte del 109% – rappresentano per i costruttori le uniche strade praticabili per uscire dalla crisi.

“Quello dell`adeguamento dei prezzi delle materie prime – ha sottolineato in particolare il vicepresidente di Confindustria Trevisani – e` un problema che nel nostro Paese e` stato sempre sottovalutato, con le conseguenze che oggi sono sotto gli occhi di tutti.

L`Italia – ha aggiunto Trevisani – rappresenta di fatto un`anomalia: nelle altre nazioni infatti, anche in quelle meno sviluppate della nostra, la revisione prezzi e` automatica e, cosa non meno rilevante, i pagamenti della pubblica amministrazione non sono soggetti a blocchi o ritardi“.
[…]

Risposte rapide e certezza, sia sulle regole che sulle risorse destinate al settore, sono state sollecitate dal presidente di Ancpl Franco Buzzi.
"E` giusto che il Governo incoraggi l`intervento della finanza privata per contribuire alla realizzazione delle opere pubbliche – ha detto Buzzi – ma non e` pensabile fare affidamento sui soli capitali privati, specie in un momento in cui il rincaro dei materiali mette a rischio il completamento delle opere e il recupero delle somme erogate".

Forti, in questo quadro, anche le preoccupazioni dei progettisti. "L`impennata dei prezzi delle materie prime – ha sottolineato il presidente dell`Oice Oddi Baglioni – sta determinando, tra le altre cose, un aumento esponenziale dei contenziosi, con ovvi e preoccupanti rallentamenti dei lavori.  Una situazione insostenibile anche per chi e` chiamato a gestire la realizzazione delle opere".

Fonte: www.ance.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico