Questo articolo è stato letto 0 volte

Infrastrutture e viabilità in Veneto

infrastrutture-e-viabilit-in-veneto.jpg

Sarà pronta nel 2014 la terza corsia dell’Autostrada A 4 lungo tutti i 110 chilometri tra Mestre e Gorizia.

Tra Villesse e Gorizia, tuttavia, l’allargamento potrebbe essere pronto già nel 2012, e nel 2013 il tratto fra il Passante di Mestre e Dan Donà di Piave, comprensivo del nuovo casello di Meolo, che inizierà prima anche in considerazione della prossima apertura del Passante, già a tre corsie.

Il cronoprogramma dell’opera è stato ufficializzato oggi a Pordenone dall’assessore alle politiche della mobilità del Veneto Renato Chisso, dal collega del Friuli Venezia Giulia Riccardo Riccardi e da Silvano Vernizzi, questi ultimi due vicecommissari per l’intervento.

“La tempistica conferma la validità della nostra richiesta di commissariare l’opera – ha ribadito Chisso – formulata già due anni fa, ma che ha dovuto attendere il Governo Berlusconi per essere formalizzata, quando è stata previlegiata l’esigenza di realizzare i lavori piuttosto che accordarsi sui nomi”.

Rispetto ai tempi ordinari originariamente previsti, si risparmieranno almeno tre anni, grazie alle procedure commissariali che derogano da quelle ordinarie. “Ma nell’affidamento degli appalti terremo conto di ulteriori riduzioni rispetto ai tempi di progetto”, ha fatto presente Vernizzi.

Per l’A 4 transitano oggi circa 41 milioni di veicoli l’anno, 110 mila al giorno, il 30 per cento dei quali sono mezzi pesanti: un TIR ogni 13 secondi. Con la terza corsia (ma i lavori saranno realizzati tenendo conto di un’eventuale quarta corsia) si potrà insomma dare una risposta a buona parte dei problemi del trasporto su strada tra i Paesi dell’Est e l’Italia e alle esigenze di sicurezza di un tratto autostradale divenuto ormai tristemente famoso.

Il progetto di terza corsia prevede cinque lotti, per un costo complessivo di un miliardo e mezzo di euro, con 170 milioni già previsti per gli espropri (saranno 462 solo nel tratto Mestre – San Donà e in ogni caso sarà adottato un protocollo con le organizzazioni professionali come quello sperimentato per il Passante).

I lavori saranno eseguiti assicurando l’esercizio autostradale sempre con due corsie per senso di marcia operative, anche se non mancheranno i disagi. La realizzazione avverrà per tappe ma comunque sarà completata nel 2014 con l’ultimo tratto dal Tagliamento Villesse, mentre nel 2013 è stata prevista anche l’apertura del tratto San Donà – Tagliamento, con il nuovo casello di Alvisopoli.

I primi tratti previsti partiranno già nel 2009 (Villesse – Gorizia e Mestre – San Donà) mentre gli altri prenderanno il via nel corso del 2010. Nelle prossime settimane, invece – ha annunciato Riccardi – si lavorerà alla definizione del piano di emergenza: gestione della rete, deroghe al codice della strada, sosta dei mezzi pesanti ecc.

Fonte: www.regione.veneto.it

 

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico