Questo articolo è stato letto 0 volte

Infrastrutture, il Cipe approva opere per 4,5 miliardi

infrastrutture-il-cipe-approva-opere-per-45-miliardi.gif

Nei giorni scorsi il Comitato interministeriale per la programmazione economica, presieduto dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, su proposta del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, ha approvato tre interventi infrastrutturali per complessivi 4,5 miliardi di euro.

E’ stato approvato il progetto dell’autostrada regionale medio-padana veneta, Nogara-Mare Adriatico che avrà un costo di 934,5 milioni di euro.

Approvato anche il progetto del raccordo autostradale della CISA ed autorizzato un primo lotto funzionale Parma nord-Terre Verdiane. L’importo complessivo dell’opera ammonta a 2,73 miliardi di euro.

Approvato, infine, il progetto dell’autostrada Ragusa-Catania il cui costo complessivo è di 815,3 milioni di euro.

“Si tratta – ha dichiarato il ministro Matteoli – di interventi infrastrutturali di grande rilevanza strategica per i territori interessati, attesi da tempo e che ora potranno essere realizzati nei tempi prestabiliti. Per le tre opere, infatti, si attiveranno subito le procedure per la loro concreta realizzazione.

Riguardo in particolare alla Catania-Ragusa, con quest’opera e con la superstrada Agrigento-Caltanissetta, in fase di realizzazione, si completeranno le arterie stradali e autostradali strategiche della Sicilia”.

A margine della riunione del Cipe, è stato sottoscritto un aggiornamento dell’Intesa quadro con la regione Toscana in merito ad infrastrutture regionali.

“Anche con la regione Toscana – ha dichiarato il ministro Matteoli che ha tenuto una conferenza stampa dopo la sigla dell’accordo – abbiamo mantenuto gli impegni presi e l’Intesa siglata conferma una serie di infrastrutture di grande rilevanza per la Regione. Nel 2003 c’erano solo impegni programmatici, con l’Intesa di oggi ci sono una serie di opere cantierate o in fase di avvio, a testimonianza dell’attenzione del governo per una Regione chiave dell’economia del Paese”.

Fonte: www.governo.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>