Questo articolo è stato letto 0 volte

Interventi sul territorio in Umbria

interventi-sul-territorio-in-umbria.gif

Piano contributi per calamità
La Giunta regionale dell’Umbria ha approvato, proponente l’assessore al Bilancio Vincenzo Riommi, il primo piano 2008 di ripartizione agli enti dei contributi per interventi e lavori di pronto intervento dipendenti da calamità pubbliche, ai sensi della legge regionale 65/78.

Ecco l’elenco dei lavori finanziati corredato dall’importo attribuito e preceduto dalla denominazione del Comune.
– Polino, frana su strada “La Sorba”, 30mila euro;
– Todi, dissesto idrogeologico a Monteladrone, 5mila;
-Ficulle, frana Fosso della Servitella, 35mila;
– Scheggia e Pascelupo, danni strada Coldipeccio, 22mila, danni strada Ponte Calcara – Campitello, 25mila, danni strada Campitello, 12mila;
– Giove, danni strada Piscicoli, 15mila;
– Allerona, dissesto muro in via Pio La Torre, 20mila;
– Vallo di Nera, lesioni muro di sostegno Piazza San Giovanni, 30mila;
– Arrone, frana strada Forca Sant’Angelo, 10mila.

Il totale dei contributi ammonta a 204mila euro.
*****
Microzonazione area urbana di Perugia
I Servizi Tecnici Regionali della Regione Umbria, utilizzando anche le risorse finanziarie comunitarie del Programma Operativo Regionale – Fondo Europeo Sviluppo Regionale (Por-Fesr) 2007/2013, hanno iniziato operativamente le attività che, entro la fine del 2009, porteranno alla definizione della pericolosità sismica locale di dettaglio della città di Perugia, la maggiore area urbana dell’Umbria.

In particolare, sono già stati eseguiti dai geologi dei Servizi Tecnici Regionali i rilevamenti geologici e geotematici in scala 1:10.000 che hanno interessato un’area di circa 200 chilometri quadrati e hanno portato alla realizzazione delle apposite cartografie, “strumenti essenziali – sottolineano dai Servizi Tecnici Regionali – per programmare efficaci azioni di prevenzione e di recupero nel campo del rischio sismico e anche in quello idrogeologico”.

La Regione Umbria, inoltre, ha assegnato al Comune di Perugia 144mila euro per l’analisi di indagini geognostiche e geofisiche di dettaglio, soprattutto nelle aree dove sono presenti edifici strategici, e per l’analisi del danneggiamento storico.

A settembre, informano ancora i Servizi Tecnici Regionali, sarà poi avviata una campagna di rilevamenti geofisici, mediante strumentazione tecnica, che avrà la durata di circa 8 mesi e sarà effettuata dall’Istituto nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale di Trieste (Dipartimento Centro di Ricerche Sismologiche) e dal “Cnr” (Centro nazionale di ricerca)-Istituto per la dinamica dei processi ambientali di Milano.

“Queste attività, ed altre che saranno attivate in seguito – concludono dai Servizi Tecnici Regionali – porteranno alla fine del 2009 alla definizione di dettaglio della microzonazione sismica del centro storico e dell’area urbana di Perugia, permettendo ai Servizi Tecnici Regionali e al Comune di Perugia di definire la pericolosità sismica locale urbana e dei principali edifici strategici del capoluogo regionale”.

Fonte: www.regione.umbria.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico