Questo articolo è stato letto 549 volte

La disciplina edilizia del movimento terra: indirizzi operativi

L’attività di movimento terra

di MARIO PETRULLI

L’attività di movimento terra ricomprende tutti quegli interventi che incidono sulla realtà del terreno di un’area, mutandone le caratteristiche, e che normalmente rientrano in tre diverse tipologie:

  • scavi: consistono nell’asporto di terreno (se di notevole consistenza, si parla, solitamente, di sbancamento);
  • riporti: consistono nel deposito di una quantità di terra su un’area;
  • livellamenti: sono interventi che, attraverso scavi e riporti, mirano ad eliminare le asperità di un terreno.

Come vedremo a breve, ai fini della relativa disciplina edilizia, rileva essenzialmente la finalità dell’intervento.

I movimenti terra qualificabili come attività edilizia libera

L’art. 6 comma 1 lett. d) del Testo Unico Edilizia(1) qualifica come attività edilizia libera “i movimenti di terra strettamente pertinenti all’esercizio dell’attività agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, compresi gli interventi su impianti idraulici agrari”. Perciò, ai fini della non necessità di alcun titolo edilizio, devono ricorrere le seguenti circostanze…

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>