Questo articolo è stato letto 0 volte

Lazio: lavori pubblici, urbanistica e ambiente

lazio-lavori-pubblici-urbanistica-e-ambiente.gif

LAVORI PUBBLICI 
Sono stati riaperti i termini dell’Avviso Pubblico per la presentazione di proposte di interventi in materia di opere pubbliche per lo sviluppo locale regionale già approvato con delibera n° 250 del 21-III-08. Lo ha stabilito con una delibera la Giunta Regionale del Lazio durante la sua ultima riunione.

Il nuovo termine, valido esclusivamente per i comuni recentemente andati al voto, è fissato alle ore 12:00 del trentesimo giorno dalla data di pubblicazione della delibera nel Bollettino Ufficiale della Regione Lazio.

Le proposte di intervento presentabili sono finalizzate all’elaborazione dello schema del programma triennale straordinario di opere pubbliche. Il programma è finanziato per 15 milioni di euro per ciascuna delle annualità del triennio 2008-2010. Il contributo regionale è compreso tra i 50.000 e i 300.000 euro, quest’ultimo elevabile a 500.000 per intervento nel caso di proposte presentate da più enti.

Le proposte di intervento, quali contributi preliminari atti a definire la domanda potenziale di interventi degli Enti locali del Lazio, possono consentire alla Regione di procedere nelle attività di programmazione, tenendo conto delle esigenze che emergono dal territorio. Pertanto, le indicazioni fornite dai proponenti non hanno carattere vincolante, ma esclusivamente di orientamento per l’elaborazione dello schema del programma triennale.

URBANISTICA E AMBIENTE
Un confronto tra più di 50 partner europei, a livello regionale e locale, sui temi legati all’ambiente, al paesaggio e allo sviluppo del territorio nel suo complesso, per misurare l’efficacia delle politiche e delle strategie territoriali. E’ questo l’obiettivo del progetto ‘Progresdec’, realizzato dalla Regione con il supporto tecnico di Bic Lazio, i cui risultati sono stati presentati oggi al Forum Pa. “La direzione Territorio e Urbanistica della Regione – ha detto il direttore di Bic Lazio, Luigi Campitelli – con il progetto ha svolto il ruolo di promotore di politiche territoriali rispondendo alle indicazioni dell’Unione europea. I documenti come lo ‘Schema di sviluppo dello Spazio europeo’, il ‘Protocollo di Goteborg’, la ‘Convenzione europea del Paesaggio’ e i più recenti documenti dell’Agenda territoriale e della Carta di Lipsia sulle Città Europee Sostenibili, infatti, descrivono una prospettiva di sviluppo che pone come priorità la qualità ambientale dei territori e delle città. Presupposto fondamentale per il miglioramento della qualità della vita della popolazione europea”. Con il progetto sono stati finanziati dodici programmi di cooperazione, che hanno permesso a undici istituzioni del territorio laziale (oltre a Comune di Roma, Province di Roma, Latina, Rieti e Frosinone, Comunità montana Castelli Romani e Prenestini, Comune di Viterbo e Latina, Parco Regionale di Bracciano-Martignano, Parco Regionale di Marturanum e Consorzio delle biblioteche dei Castelli Romani) di lavorare in partenariato transnazionale.

“Quello che abbiamo cercato di fare – ha continuato Campitelli – è stato veicolare la visione dello Spazio europeo anche a livello locale, promuovendo una sperimentazione congiunta, in partenariato con enti di altri paesi europei e coinvolgendo, di fatto, gran parte del territorio regionale. Crediamo, infatti, che sia fondamentale accompagnare gli attori locali nello sviluppo di nuove opportunità, creando le condizioni affinché sia possibile realizzare una vera e propria rete. L’integrazione internazionale rappresenta peraltro uno dei più importanti percorsi di crescita e di sopravvivenza delle piccole e medie imprese”.

L’operazione quadro regionale ‘Progresdec’ punta a sviluppare un confronto tra le regioni europee sull’attuazione dei principi enunciati nello Schema di sviluppo dello Spazio europeo tramite lo scambio di esperienze e la sperimentazione di metodi e strumenti innovativi di pianificazione territoriale. Oltre al Lazio partecipano le Regioni Piemonte, Sicilia, Macedonia Occidentale, Macedonia Centrale, Navarra, Comunidad de Madrid, Dienst Landelijk Gebied Utrecht, con il supporto dell’istituto di ricerca Irs (Institut fur Regionalentwicklung und Strukturplanung). 

 

Fonte: www.regione.lazio.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico