Questo articolo è stato letto 0 volte

Legge di stabilità, le novità per l’edilizia

legge-di-stabilit-le-novit-per-ledilizia.gif

Allungamento da 4 a 5 anni del termine entro il quale le abitazioni costruite o ristrutturate dalle imprese possono essere cedute in regime di imponibilita` ad IVA e proroga, fino al 31 dicembre 2011, della detrazione del 55% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti.

Queste le principali misure fiscali d`interesse per il settore delle costruzioni contenute nel Disegno di Legge 2464 A/S, recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge di Stabilita` 2011“, gia` approvato dalla Camera, ed attualmente all`esame del Senato per la definitiva approvazione.

In particolare, il Disegno di Legge di Stabilita` prevede:

– l`applicazione dell`IVA per le cessioni di abitazioni effettuate dalle imprese “costruttrici“ o “ristrutturatrici“ entro 5 anni (anziche` 4) dall`ultimazione dei lavori di costruzione o di ristrutturazione (art.1, comma 86).

Tale disposizione, gia` inserita nel maxiemendamento governativo approvato nel corso dell`esame alla Camera del Provvedimento, interviene sull`attuale regime IVA applicabile alle cessioni di immobili residenziali (art.10, comma 1, n.8-bis, D.P.R. 633/1972), prolungando di un anno il termine che consente alle imprese di cedere le abitazioni costruite o ristrutturate, assoggettando ad IVA l`operazione.

Si ribadisce che la misura, fortemente auspicata dall`ANCE, costituisce una modifica a regime della disciplina ad oggi in vigore, cosicche` la sua portata e` ben piu` ampia rispetto ad una deroga transitoria che proroghi per un anno il termine per il passaggio da operazione imponibile a operazione esente. La sua entrata in vigore e` prevista dal 1° gennaio 2011.

Pertanto, le imprese per le quali sia gia` scaduto il quarto anno dall`ultimazione dei lavori, ma non il quinto, potranno, dal 1° gennaio 2011, cedere le abitazioni realizzate in regime IVA, non soggiacendo all`obbligo di restituzione parziale dell`IVA detratta in sede di costruzione, ne` alle limitazioni sul diritto alla detrazione dell`IVA sull`attivita` generale (cd. “pro-rata“);

– la proroga, fino al 31 dicembre 2011, delle agevolazioni fiscali per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti (detrazione del 55% – art.1, commi 344-347, legge 296/2006 e successive modificazioni).

Per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2011, tuttavia, la ripartizione della detrazione avverra` in 10 quote annuali di pari importo (anziche` in 5 quote, come previsto per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2010 – art.1, comma 48).

La proroga di un anno si applica per tutti gli interventi attualmente agevolati:
– “riqualificazione energetica globale“ degli edifici;
– interventi sull`involucro degli edifici, sue parti o unita` immobiliari, riguardanti le strutture opache verticali, orizzontali e le finestre, comprensive degli infissi;
– installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali;
– sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione, ovvero con pompe di calore ad alta efficienza od impianti geotermici, e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione.

L`art.1, comma 48, del DdL di Stabilita` prevede, inoltre:

1) la conferma della semplificazione degli adempimenti per gli interventi di sostituzione di finestre, comprensive di infissi (in singole unita` immobiliari), installazione di pannelli solari e per la sostituzione dell`impianto di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione.

In sostanza, per tali lavori, non e` richiesta l`acquisizione dell`attestato di certificazione/qualificazione energetica dell`edificio;

2)il mantenimento dell`obbligo di invio della Comunicazione all`Agenzia delle Entrate per i lavori pluriennali.

Infine, tra le ulteriori misure di interesse contenute nel DdL 2464, si segnalano:

1) il riordino della disciplina fiscale relativa ai contratti di leasing immobiliare (art.1, commi 15-16).

In particolare, con riferimento ai contratti in corso al 1° gennaio 2011, viene previsto il versamento, in unica soluzione, entro il 31 marzo 2011, di un`imposta sostitutiva delle imposte ipotecaria e catastale, con modalita` che verranno fissate con Provvedimento del Direttore dell`Agenzia delle Entrate, da emanare entro il 31 dicembre 2010.

Inoltre, per i contratti che verranno stipulati a partire dalla data di entrata in vigore della Legge di Stabilita` (1° gennaio 2011), si perverra` ad un`equiparazione tra cessione di immobili strumentali ed acquisizione in leasing degli stessi, che saranno soggetti entrambi all`applicazione delle imposte ipotecaria e catastale pari al 4%;

2) la proroga, fino al 31 dicembre 2011, dell`applicabilita` dell`imposta sostitutiva del 10% per i “premi di produttivita“`, nel limite di 6.000 euro lordi, corrisposti ai lavoratori del settore privato con redditi non superiori, nel 2010, a 40.000 euro (art.1, comma 47).

Fonte: Ance

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>