Questo articolo è stato letto 112 volte

Liguria, novità sul recupero abitativo dei sottotetti

liguria-novit-sul-recupero-abitativo-dei-sottotetti.jpg

Gli esercizi pubblici o commerciali di vicinato devono essere collocati al piano terreno o a quello rialzato.

La LR 24/2001 era fin’ora applicabile solo alle unità domestiche e alle attività ricettive. Dopo una modifica al testo approvata in Consiglio regionale il 27 settembre sarà estesa anche a locali con destinazione diversa.

Anche piccoli negozi, pubblici esercizi, attività artigianali di servizio, laboratori, uffici e studi professionali, potranno ampliare tramite la chiusura dei porticati adiacenti, che però devono fare parte del corpo stesso dell’edificio. Non deve esserci infatti ulteriore consumo di suolo.

Secondo Andrea Costa, presidente della Commissione Territorio Ambiente: “Questa misura consentirà alle attività esistenti di ampliare la superficie a disposizione del loro lavoro, senza ulteriore consumo di suolo. Infatti per legge deve essere mantenuta la sagoma e, quindi, le misure originarie dell’edificio”.

“Molti ne avranno giovamento, anche nelle piccole realtà di paese, nell’entroterra, dove spesso la bottega di alimentari o quella della parrucchiera hanno un porticato. Di grande utilità pure per bar e ristoranti: la chiusura del porticato offre nuovi spazi, utilizzabili durante tutto l’anno e di fatto meno costosi dei dehor, che comportano spese elevate per l’occupazione del suolo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>