Questo articolo è stato letto 2 volte

Manovra, novità per Dia, Scia e professionisti. Rispunta il condono

manovra-novit-per-dia-scia-eprofessionisti-rispunta-il-condono.jpg

Dopo l’ok della Camera e la firma del Presidente della Repubblica è questione di giorni (bisogna solo attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale) per l’introduzione dei nuovi provvedimenti della Manovra-bis che interessano anche l’attività edilizia, dal progettista all’ufficio tecnico all’impresa.

Riassumiamo di seguito le novità più interessanti:

1) DIA e SCIA e la tutela del terzo interessato 
Gli interventi realizzati previa presentazione di DIA e SCIA non sono direttamente impugnabili dal terzo che può solo sollecitare il Comune ad effettuare le verifiche di propria competenza. Per un maggiore approfondimento su questo aspetto vi reinviamo alla lettura dell’articolo “I controlli e i provvedimenti del comune sulla scia edilizia, dopo i trenta giorni dalla presentazione (dopo il d.l. 70/2011 convertito in legge 106/2011)”, publbicato nei giorni scorsi nella sezione Approfondimenti in 2 parti (Leggi la Prima parte e la Seconda parte)

2) Professioni: novità”, che dovranno essere recepite, entro un anno, dagli ordinamenti professionali:
– l’accesso libero alla professione, fatto salvo, quando previsto, il superamento dell’esame di stato (disciplinato, per le professioni tecniche, dalla Costituzione Italiana, all’art.33 comma 5);
– il mantenimento del sistema ordinistico ed esercizio fondato sull’autonomia del  professionista;
limitazioni numeriche degli iscritti, per ragioni di interesse pubblico;
– l’obbligo di formazione continua;
– il tirocinio retribuito, di durata non superiore a tre anni, che si può svolgere anche durante il corso di laurea;
– l’obbligo di definizione del compenso spettante al professionista all’atto del conferimento dell’incarico, prendendo come riferimento le tariffe professionali, ma anche in deroga a queste ultime;
– l’assicurazione professionale obbligatoria;
– la pubblicità informativa libera su attività professionale, specializzazioni e titoli posseduti, struttura dello studio e compensi delle prestazioni;
– nuove sanzioni in caso di mancata emissione di fattura.

3) Bonus fiscali sulla casa:
Anticipata di un anno la riduzione delle detrazioni fiscali del 36% sulle ristrutturazioni edilizie e del 55% per gli interventi di riqualificazione energetica (dal 2013 al 2012 il taglio del 5% e dal 2014 al 2013 quello del 20%). 
I tagli scatteranno però solo se il Governo non riuscirà a varare la riforma fiscale entro il 30 settembre 2012. 
Modificata la disciplina della detrazione del 36%: in caso di vendita dell’immobile le  detrazioni possono essere utilizzate dal venditore, oltre che dall’acquirente. 

4) Rispunta l’ipotesi di un condono fiscale ed edilizio. Il Governo, ha accettato ufficialmente l’ordine del giorno presentato da Domenico Scilipoti, presentato nel corso della discussione della manovra alla Camera.

5) PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI: Parte dal 2012 l’avvio della spending review, diretto a definire i fabbisogni standard dei programmi di spesa della amministrazioni centrali dello Stato. Sempre dal prossimo anno è prevista la riduzione delle spese dei ministeri, per circa 10 miliardi di euro nel triennio 2012-2014. –

6) ENTI LOCALI E TERRITORIALI: I tagli previsti per le regioni ed enti locali sono pari a 4,2 miliardi nel 2012 e 3,2 nel 2013. Province salve dalla soppressione inizialmente prevista dalla manovra, e rinviata a un ddl costituzionale, e taglio del 50% dei consiglieri.
I comuni con meno di 1.000 abitanti, dovranno essere accorpati salvando pero’ gli organismi (sindaco e consiglio comunale). Anche i Fas regionali vengono salvati dai tagli (inseriti inizialmente con una clausola di salvaguardia). 

7) SISTRI
Diventerà operativo per tutti il prossimo 9 febbraio 2012.
Fino a questa data il regime per la movimentazione e la gestione dei rifiuti sarà quella classica, basata sui formulari e sulla compilazione dei registri di carico/scarico su base cartacea. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>