Questo articolo è stato letto 1 volte

Marche: edilizia e urbanistica

marche-edilizia-e-urbanistica.jpg

Contratti di quartiere II, accordo con il Comune di Montegranaro
La Regione prosegue nel programma di riqualificazione dei centri storici delle citta` e dei paesi marchigiani.
Il vicepresidente Paolo Petrini, l’assessore all’Edilizia, Gianluca Carrabs, il sindaco di Montegranaro, Giovanni Basso, hanno sottoscritto l’accordo per l’avvio del ‘Contratto di quartiere II Comparto centro storico’ nel Comune di Montegranaro.

‘Da un’iniziativa mista Stato Regione ‘ ha aggiunto Petrini – nasce il contratto di quartiere (II edizione) finalizzato a riqualificare le zone urbane degradate sia dal punto di vista urbanistico ed edilizio, che sociale-occupazionale.
Si tratta quindi un intervento a sostegno della crescita del territorio che afferma il modello di sviluppo policentrico delle Marche attraverso una filiera istituzionale che coinvolge le comunita` e gli enti locali.

L’obiettivo dell’intervento su Montegranaro e` quello di recuperare e valorizzare il centro storico migliorando la qualita` dell’edilizia residenziale che nel tempo si e` degradata, consentendo anche una riqualificazione di ordine sociale, con il ripopolamento del centro storico da parte dei cittadini.

Gli interventi previsti sono l’edificazione di dieci alloggi di edilizia residenziale pubblica tramite l’acquisto e il recupero dell’edificio ‘ex ospedale'; la realizzazione di un centro socio-ricreativo ed interventi di privati cittadini di recupero e risanamento conservativo degli edifici.

Gli interventi edilizi avranno anche carattere di sperimentazione in relazione al miglioramento sismico. Complessivamente il programma di riqualificazione urbana prevede investimenti per circa 3,65 milioni di Euro, di cui 1,7 milioni di euro a carico della Regione, 0,05 milioni di euro a carico del Comune, 0,8 milioni di euro a carico dell’Erap di Fermo e 1,1 milioni di euro a carico di privati. S

ottoscritta, inoltre, in presenza del vicesindaco Enrico Piergallini, la modifica dell’ accordo di programma con il Comune di Grottammare per la realizzazione del ‘Contratto di Quartiere II ‘ Grottammare Nord ‘ Programma di recupero edifici storici degradati e riqualificazione opere di urbanizzazione’, firmato lo scorso 6 novembre 2007.

Il Comune ha chiesto la modifica dell’articolo 7 dell’accordo, che disciplina le modalita` di erogazione del finanziamento regionale, per consentire al Comune stesso il pagamento delle indennita` di esproprio o corrispettivo di cessione bonaria per un edificio oggetto di intervento all’interno del Contratto di Quartiere.
*****

La Regione cede immobili alla provincia di Ascoli Piceno 
Firmato l’accordo tra Regione e Provincia di Ascoli Piceno per la cessione a quest’ultima degli immobili regionali situati a Colle San Marco e in corso Mazzini ad Ascoli Piceno.

La firma tra gli assessori regionali Pietro Marcolini, Sandro Donati e il presidente dell’Amministrazione provinciale Massimo Rossi, chiude la vicenda legata al contenzioso dei crediti derivanti dalla mancata corresponsione dei contributi previsti alle Province attraverso la cessione alle stesse di immobili a compensazione dei crediti vantati.

Un accordo transattivo in grado di consolidare la bonta` dei rapporti esistenti tra le due amministrazioni e che definisce qualsiasi controversia.
L’acquisizione del centro sportivo ‘Franchi’, immerso nel verde di Colle San Marco e l’ex sede dell’azienda di soggiorno ascolana, rientra in una strategia di collaborazione tra istituzioni per la valorizzazione di aree pregiate e per lo sviluppo dei siti del centro storico cittadino.

"I beni e le risorse economiche immediatamente acquisite dalla Provincia con l’intesa transattiva, che corrispondono a circa il 50% delle somme riconosciute dalla sentenza di primo grado impugnata dalla Regione – ha detto Rossi -, come avvenuto nelle altre Province marchigiane coinvolte in analoghi contenziosi, rappresentano una salutare boccata di ossigeno per il nostro bilancio ed un patrimonio spendibile per il territorio.

Il vincolo di destinazione ambientale condiviso tra Provincia e Regione garantisce peraltro una valorizzazione virtuosa del Pianoro di Colle San Marco in linea con il nostro progetto di sviluppo sostenibile del Piceno’.

Fonte: www.regione.marche.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico