Questo articolo è stato letto 0 volte

Marche: riqualificazione e recupero edilizio

marche-riqualificazione-e-recupero-edilizio.jpg

Sono state approvate le graduatorie del secondo bando per il finanziamento delle stazioni ferroviarie impresenziate.

"Prosegue dunque" –  dichiara l’assessore regionale ai Trasporti, Pietro Marcolini ‘ l’impegno della Regione per la riqualificazione e il pieno recupero di quelle strutture appartenenti al patrimonio edilizio di RFI che, pur restando attive come fermate ferroviarie, non hanno piu` personale ne` biglietteria".

A beneficiare nell’immediato dei finanziamenti saranno i Comuni di Cerreto d’Esi e di Pergola. In base a un accordo sottoscritto a fine 2007 con i Comuni, le Province e RFI, la Regione ha stanziato un milione di euro. Di questi ne sono stati impiegati 893.385,00, come stabilito da un primo bando.

"Il secondo bando" –  spiega Marcolini –  si e` reso necessario per utilizzare le economie, pari a 106.615,00 euro. In tal modo, e` stata data la possibilita` ad alcuni Comuni di presentare progetti sia per la riqualificazione delle stazioni ferroviarie impresenziate, che per stralci volti al recupero funzionale di immobili o aree di loro interesse".

"Con questi interventi ‘ continua l’assessore ai Trasporti ‘ si evitera` l’abbandono e il conseguente degrado delle stazioni, garantendo ai cittadini maggiore sicurezza, migliorando il decoro urbano e permettendo di ritornare a usufruire di una struttura dalla valenza socio-culturale’.

In base alla graduatoria, relativa a nuovi interventi, al Comune di Cerreto d’Esi andranno 67.326,00 euro, mentre a quello di Pergola 39.289,00 euro. I lavori dovranno cominciare entro il 30 settembre 2009 e terminare entro il 30 settembre dell’anno successivo.

Fonte: www.regione.marche.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico