Questo articolo è stato letto 0 volte

Marche: sicurezza sul lavoro

marche-sicurezza-sul-lavoro.jpg

Il presidente della Regione Gian Mario Spacca ha promulgato la legge n. 33 del 18 novembre scorso sulle ‘Norme in materia di costi per la prevenzione degli infortuni e la tutela della salute nei cantieri temporanei e mobili’.  

La proposta del provvedimento risale alla primavera del 2007 quando fu discussa favorevolmente nell’ambito della ‘Intesa’, sottoscritta nel luglio-agosto 2004 tra la Regione, l’ANCI, l’UPI, l’UNCEM, l’INPS, l’INAIL, le Casse edili, gli imprenditori, gli artigiani, gli ordini professionali e le organizzazioni sindacali di categoria.

‘Questa legge, tra le prime in Italia nel settore, riguarda la sicurezza nei cantieri e chiarisce agli operatori pubblici e privati aspetti inerenti, sia la fase della progettazione, sia la fase dell’esecuzione ‘ spiega il presidente della Regione Gian Mario Spacca ‘

"Nell`anno 2007 sono pervenute all`Inail Marche 32.157 denunce di infortuni, circa 1.443 casi in meno rispetto al 2006. La flessione registrata, pari al 4,3%, e` di gran lunga superiore sia a quella del 2,7% rilevato nel 2006, sia alla diminuzione del 1,7% su scala nazionale per l“ anno 2007 ma questo non e` ancora sufficiente".

"Con questa legge – prosegue Spacca – vengono quindi precisate attivita`, compiti e responsabilita` connesse alla ‘progettazione della sicurezza’, con particolare riferimento alla stima dei relativi costi.
Allo stesso modo vengono precisate attivita`, compiti e responsabilita` connesse alla ‘realizzazione dei lavori in sicurezza’, con particolare riferimento alla contabilizzazione, liquidazione e pagamento dei relativi oneri.

Le norme dovranno essere applicate ai lavori pubblici di interesse regionale (appositamente definiti) e (limitatamente agli aspetti fondamentali della stima e della contabilita`) anche ai lavori privati.

"Tra le novita` di rilievo nazionale – conclude il presidente – l’articolo secondo cui viene stabilito che tutti i costi della sicurezza, costituiti dai costi della sicurezza inclusa nei prezzi unitari di progetto (appositamente definiti nella legge) e dai costi della sicurezza aggiuntiva ai prezzi unitari di progetto (appositamente definiti nella legge), non sono soggetti ai ribassi offerti dall’imprenditore e l’obbligo di inserire nei contratti di affidamento dei lavori le cosiddette ‘clausole sociali’ (a tutela dei lavoratori e previste dal testo unico dei lavoratori)".

In sede di sottoscrizione, l’ Intesa sopra citata ha convenuto di attivare e rendere operativo nel territorio regionale lo sportello unico ai fini del rilascio del Documento unico di regolarita` contributiva per i cantieri pubblici e per quelli privati.
Inoltre, dall’attivita` della stessa ‘Intesa’ e` nata la legge regionale ‘Norme in materia di accertamento della regolarita` contributiva delle imprese’ impegnate nei cantieri privati.

Fonte: www.regione.marche.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico