Questo articolo è stato letto 0 volte

Nuove regole per l’affitto degli immobili in Campania

nuove-regole-per-laffitto-degli-immobili-in-campania.gif

La Giunta Regionale della Campania, su proposta dell’assessore al Demanio, ha approvato oggi le “Linee guida per la disciplina delle locazioni e delle concessioni di beni immobili regionali“, imponendo nuove e più rigide regole di gestione degli immobili di proprietà dell’ente.

Tra le novità più rilevanti introdotte dal provvedimento, elaborato dall’assessorato al Demanio e Patrimonio, va segnalato il divieto di stipulare qualsiasi contratto di locazione di beni regionali per chi ricopre cariche pubbliche o amministrative presso lo stesso ente.

Nello specifico, la Regione Campania non può procedere all’assegnazione di beni e alla stipula dei relativi contratti con coloro che:

– rivestano la carica di presidente della Giunta regionale, assessore regionale o consigliere regionale;
– abbiano la qualifica di dirigente regionale;
– rivestano la carica di parlamentare eletto in Regione Campania;
– rivestano la carica di presidente della Provincia, assessore o consigliere provinciale, sindaco, assessore o consigliere comunale, relativamente agli immobili ubicati nel territorio di esercizio delle proprie funzioni;
– rivestano cariche negli organi sociali o funzioni direttive negli enti regionali, nelle agenzie regionali, negli altri soggetti pubblici vigilati dalla Regione Campania e nelle persone giuridiche partecipate totalmente o maggioritariamente dalla Regione Campania;
– siano coniugati o siano parenti ascendenti e discendenti in linea retta di tutti i soggetti indicati precedentemente.

Questa previsione opera fino a due anni dalla cessazione dalla carica o dall’appartenenza all’ufficio. I casi di esclusione coinvolgono anche le assegnazioni di beni immobili gestiti dagli enti regionali, dalle agenzie regionali, dagli altri soggetti pubblici vigilati dalla Regione Campania e dalle persone giuridiche partecipate totalmente o maggioritariamente dalla Regione Campania.

La delibera prevede inoltre l’eliminazione della clausola di rinnovo automatica dei contratti, che dovranno quindi essere esaminati ad ogni loro scadenza.

Infine l’istituto del comodato d’uso gratuito si prevede, da oggi in poi, solo a favore degli enti territoriali e sulla base di accertate finalità di rilevante interesse pubblico.

“Con questa delibera – commenta l’assessore al Demanio – la Regione Campania stabilisce con fermezza che chi ricopre cariche pubbliche, sia politiche che di alto livello amministrativo, non può prendere in locazione immobili di proprietà dell’ente.

Questa misura conferma il nostro impegno a gestire con trasparenza il patrimonio immobiliare della Regione, che deve diventare sempre più una risorsa a disposizione della collettività”.

Fonte: www.regione.campania.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>