Questo articolo è stato letto 0 volte

Nuove regole per gli impianti fotovoltaici in Valle D’Aosta

nuove-regoleper-gli-impianti-fotovoltaici-in-valle-daosta.gif

La Valle d’Aosta avrà regole più chiare per l’installazione di impianti fotovoltaici ed eolici.

La decisione è stata presa dall’esecutivo regionale che, con una delibera, individua le aree del territorio regionale “non idonee”. “Grazie all’approvazione di un decreto interministeriale – ha spiegato l’assessore alle attività produttive, Ennio Pastoret – si consente alle regioni di disciplinare come devono essere costruiti gli impianti. Questo è avvenuto perché si tratta di una materia che sta scappando di mano un po’ a tutti”.

Non possono continuare essere realizzati impianti nei centri storici, zone soggette a vincoli di inedeficabilità o su terreni per i quali i proprietari hanno beneficiato di contributi del piano di sviluppo rurale.

Nessun vincolo, invece, per i pannelli installati sui tetti degli edifici, per quelli di potenza inferiore ai 5 Kw (ma solo se l’utilizzo delle superfici esistenti non sia possibile) e per gli impianti mobili.

Anche gli impianti eolici dovranno rispettare nuovi paletti. Per gli impianti di potenza superiore a 60Kw, in particolare, vanno rispettate le aree naturali protette, le zone soggette a vincoli di inedificabilità, i ghiacciai e i centri abitati nelle zone A, b e C.

“Questo è il frutto del coinvolgimento dei diversi soggetti coinvolti – ha detto il presidente della Regione, Augusto Rollandin – e permette di evitare che zone collinari o prati di montagna siano ricoperti da una coltre di pannelli”.

Fonte: Aostasera

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>