Questo articolo è stato letto 17 volte

Oneri concessori: cosa accade se non si utilizza il permesso di costruire

oneri-concessori-cosa-accade-se-non-si-utilizza-il-permesso-di-costruire.jpg

Un consolidato e rilevante orientamento della giurisprudenza ritiene che gli oneri concessori sono strettamente connessi all’attività di trasformazione del territorio. Pertanto laddove tale circostanza non si verifichi (o si verifichi parzialmente ed il successivo titolo sia stato annullato e conseguentemente emessi i provvedimenti sanzionatori da parte dell’Amministrazione), il relativo pagamento risulta privo della causa dell’originaria obbligazione di dare. In questo senso, l’importo versato deve essere restituito.

La giurisprudenza conferma tale assunto enucleando il seguente concetto: il diritto alla restituzione non sorge soltanto nel caso in cui la mancata realizzazione delle opere sia totale, ma anche ove il permesso di costruire sia stato utilizzato solo parzialmente. Esiste una linea concorde tra i giudici amministrativi per la quale, nel momento in cui il privato non utilizzi il permesso di costruire, sorge il diritto ad ottenere la restituzione delle somme versate a titolo di oneri di urbanizzazione e costo di costruzione.

Qualora il privato rinunci o non utilizzi il permesso di costruire (ed anche nel caso in cui sia intervenuta la decadenza del titolo edilizio) si crea in capo alla Pubblica Amministrazione l’obbligo di restituzione delle somme corrisposte a titolo di contributo per oneri di urbanizzazione e costo di costruzione e conseguentemente il diritto del privato a pretenderne la restituzione. In tale direzione un recentissima sentenza del TAR Lazio (sez. II bis Roma, sent. n. 12693 del 10 novembre 2015) esplica in maniera nitida il concetto.

Per ampliare il punto di vista sull’importante tema degli oneri concessori Maggioli Editore presenta il nuovo e-book dal titolo Gli oneri per il rilascio del permesso di costruire, curato da Antonella Mafrica e Mario Petrulli: una guida pratica sintetica ed al tempo stesso completa, con ampi riferimenti normativi e dottrinali e copiosa giurisprudenza, utile a risolvere i dubbi che possono verificarsi nella prassi quotidiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>