Questo articolo è stato letto 3 volte

Opere di urbanizzazione: il passaggio al Comune

opere-di-urbanizzazione-il-passaggio-al-comune.gif

L`atto di trasferimento a favore di un Comune delle opere di urbanizzazione, in base a un`apposita convenzione stipulata con una societa`, sconta l`imposta di registro in misura fissa ed e` esente dalle imposte ipotecarie e catastali. A fare questa precisazione  è l`Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 166 diffusa nei giorni scorsi.

Una società ha chiesto con istanza di interpello alle Entrate di conoscere il trattamento di fiscale dell`atto di cessione a un Comune di opere che si era impegnata a realizzare in attuazione di una convenzione, a scomputo degli oneri di urbanizzazione.

In particolare chiede se l`atto può fruire del regime agevolato che assoggetta alcuni trasferimenti a imposta di registro in misura fissa e esonera dal pagamento delle imposte ipo-catastali.

E’ ormai prassi consolidata nei Comuni affidare a privati costruttori il compito di realizzare le opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione. Si tratta dei costi che l`imprenditore deve sostenere nel momento in cui viene rilasciato il permesso di costruire.

Dunque, invece di pagare il contributo, il titolare del permesso si obbliga a realizzare le opere di urbanizzazione, in base alle regole fissate dall`amministrazione comunale.

Per rafforzare la tesi del diritto all`agevolazione, l`istante richiama la risoluzione dell`amministrazione finanziaria 250666/1983 con la quale e` stato chiarito che i benefici vanno estesi non solo alle convenzioni, ma anche a atti posti in essere in esecuzione degli obblighi assunti.

Secondo l`Agenzia e` fondata l`interpretazione del contribuente. Gode infatti del trattamento agevolato la cessione con la quale una societa` costruttrice trasferisce al Comune le opere di urbanizzazione che vengono realizzate, acquisite al patrimonio indisponibile dell`ente, purche` l`accordo risulti da apposita convenzione.

Per le Entrate, l`articolo 20 della legge 10/77 riconosce i vantaggi fiscali non solo alle convenzioni, ma anche agli atti che danno esecuzione alle loro disposizioni. Altrimenti, ne «venebbe vanificata la ratio agevolativa».

 Fonti: Ance e il Sole 24 Ore
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>