Questo articolo è stato letto 1 volte

Opere pubbliche in Friuli

opere-pubbliche-in-friuli.gif

La realizzazione e la sistemazione di una serie di percorsi ciclabili e sentieri turistici nei comuni di Attimis, Dolegna del Collio, Prepotto, Tarcento e Torreano ed una serie di interventi di messa a norma ed ammodernamento degli istituti scolastici di Faedis, Lusevera, San Floriano del Collio, San Leonardo, San Pietro al Natisone, Tarcento ed Attimis sono stati oggetto di due accordi quadro sottoscritti dall’assessore regionale alle Autonomie locali, Sicurezza e Pianificazione territoriale Federica Seganti e il presidente della Comunità montana del Torre, Natisone e Collio Adriano Corsi ed i sindaci delle località coinvolte negli interventi.

Per la loro attuazione la Regione, a fronte di una spesa complessiva di 1 milione e 698 mila euro, metterà a disposizione in tutto 1.257.350 euro e di questi saranno utilizzati per la valorizzazione turistica del territorio 550 mila euro, mentre il resto servirà a coprire la sistemazione degli edifici scolastici.

Qui i lavori previsti vanno dall’adeguamento alle norme infortunistiche al superamento delle barriere architettoniche, dal miglioramento dei servizi igienici alla messa a norma degli impianti di GPL, dall’adeguamento sismico alla coibentazione delle pareti, all’impiantistica, alla riparazione di solai e coperture.

L’assessore ha posto in evidenza la particolare urgenza ed importanza
La realizzazione delle piste ciclabili corrisponde, in alcuni casi, alle stesse esigenze di sicurezza e Malduca ha ricordato l’accordo sottoscritto da Attimis con l’Anas per l’allargamento e la messa in sicurezza dell’ex statale 356, dove è stata realizzata la pista ciclabile che andrà dal capoluogo al passo di Monte Croce, con innesti nelle borgate di Poiana, Piccoli e Faris. […]

La realizzazione delle piste ciclabili inizierà nel luglio del 2009 per concludersi alla fine del 2010, mentre per gli interventi relativi alla sistemazione degli edifici scolastici i tempi variano a seconda si tratti di una semplice attività di messa a norma o di opere più complesse.
Comunque anche in questo caso, ha notato l’assessore, la consegna dei lavori dovrebbe avvenire ad un anno circa dall’apertura dei cantieri.

Fonte: www.regione.fvg.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico