Questo articolo è stato letto 0 volte

Pagamenti P.A., tasso di mora allo 0,75% in caso di ritardo

pagamenti-p-a-tasso-di-mora-allo-075-in-caso-di-ritardo.gif

Dal 1° gennaio al 30 giugno 2013 il tasso di riferimento che sarà applicato al pagamento da parte della p.a. in caso di ritardo ammonterà allo 0,75%.

Lo ha stabilito il Ministero dell’Economia e delle Finanze con un comunicato pubblicato nei giorni scorsi in Gazzetta Ufficiale.

Per le Amministrazioni che non rispettano i tempi di pagamento il tasso di riferimento dello 0,75% sarà maggiorato di 8 punti percentuali.

La normativa si applica ai contratti stipulati a partire dal primo gennaio 2013 e prevedono un tempo massimo di 30 giorni per il saldo delle somme dovute alle imprese con proroghe di 60 giorni se concordate o previste.

Il nuovo provvedimento non è però piaciuto all’UE che ha formalmente richiamato l’Italia chiedendo di apportare modifiche entro il prossimo entro il 16 marzo, in particolare di specificare che la proroga è concessa solo alle imprese pubbliche e al settore sanitario.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico