Questo articolo è stato letto 0 volte

Piano casa: definiti gli interventi prioritari da finanziare

piano-casa-definiti-gli-interventi-prioritari-da-finanziare.gif

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto 28 dicembre 2007 del Ministero delle Infrastrutture che individua gli interventi prioritari e immediatamente realizzabili relativi al programma straordinario di edilizia residenziale pubblica (Piano casa) varato con il decreto fiscale (DL 159/2007 convertito nella Legge 222/2007) collegato alla Finanziaria. 550 milioni di euro per l’anno 2007 destinati all’ampliamento dell’offerta di case a canone sociale per garantire il passaggio da casa a casa alle famiglie con sfratti esecutivi. E’ previsto infatti il recupero di alloggi non occupati di proprietà degli ex IACP o dei comuni, l’acquisto, la locazione e l’eventuale costruzione di nuovi alloggi.

Il Piano casa è stato introdotto dalla Legge 9/2007 per la riduzione del disagio abitativo, legge che prevede che le Regioni e le Province Autonome propongano gli interventi da realizzare.In base agli elenchi trasmessi dalle regioni e dalle province autonome il Ministero ha individuato gli interventi prioritari ed immediatamente realizzabili e ha ripartito le relative risorse finanziarie.

L’erogazione dei finanziamenti (che verranno attribuiti direttamente ai Comuni o ex Iacp oppure tramite la Cassa depositi e prestiti) avverrà con decreto del Ministro delle infrastrutture, da emanarsi entro 6 mesi dalla trasmissione della documentazione relativa ai singoli interventi, previa verifica tecnica da parte dell’Amministrazione relativamente alla congruità degli interventi proposti con l’art. 21 del decreto fiscale, secondo le seguenti modalità:

a) acquisto immobili:
– erogazione del 50% del finanziamento alla presentazione della documentazione attestante l’avvenuto impegno giuridico all’acquisto e del restante 50% alla data di stipula del rogito notarile;

b) interventi di recupero e di nuova costruzione:
– 30% del finanziamento alla presentazione della documentazione attestante l’inizio dei lavori;
– 50% alla presentazione della documentazione attestante l’avanzamento dei lavori pari al 60% dei lavori;
– 20% ad avvenuta approvazione degli atti di collaudo e del rilascio del certificato di agibilità;

c) locazione alloggi:
– in rate annuali anticipate pari all’importo del canone di locazione determinato ai sensi dell’art. 2, comma 3, della legge 9 dicembre 1998, n. 431, previa presentazione e verifica del relativo contratto di locazione, fermo restando l’importo massimo del contributo statale.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico