Questo articolo è stato letto 0 volte

Piano casa: in Basilicata approvata la legge

piano-casa-in-basilicata-approvata-la-legge.gif

Approvata in Basilicata (il 3 agosto) la Legge Regionale 25/2009 (“Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell’economia e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente”). La norma contribuirà al miglioramento di sicurezza, risparmio energetico e semplificazione amministrativa. Con validità due anni.
Gli aumenti volumetrici saranno consentiti solo a fronte di un alleggerimento del carico ambientale, escludendo opere abusive, centri storici e aree sotto tutela.

La legge sulle misure di ampliamento si applica agli edifici residenziali esistenti, legittimamente realizzati e condonati, nonché a quelli in fase di realizzazione, a tipologia monofamiliare isolata di superficie complessiva fino a 200 metri quadrati e a tipologia bifamiliare isolata e plurifamiliare di superficie complessiva fino a 400 metri quadrati (che possono essere ampliati al massimo del 20%). La riduzione del consumo energetico non potrà essere inferiore al 20% del fabbisogno dell’intero edificio.

Rinnovamento del patrimonio edilizio: sugli edifici realizzati dopo il 1942 si possono realizzare interventi straordinari di demolizione e ricostruzione con aumento della superficie complessiva esistente fino al 40%, ma si devono utilizzare tecniche di bioedilizia, pannelli fotovoltaici. La dotazione di verde deve essere incrementata fino al 60% (in questo caso la riduzione del consumo energetico non potrà essere inferiore al 30% del fabbisogno dell’intero edificio).

Per quanto riguarda il recupero edilizio, sarà possibile riutilizzare le superfici coperte e libere dei piani terra di edifici esistenti per parcheggi da destinare a pertinenza delle singole unità immobiliari, alloggi sociali, per handicappati e nuove unità immobiliari di superficie complessiva non inferiore a 45 metri quadri. 

È prevista la costruzione di alloggi da cedere a prezzi convenzionati o da locare temporaneamente o permanentemente, con eventuale possibilità di riscatto. Nei comuni  con popolazione superiore a 10 mila abitanti, il 40%  della volumetria residenziale sarà destinato alla realizzazione o al recupero di alloggi sociali.

 

Fonte: www.regione.basilicata.it

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>