Questo articolo è stato letto 0 volte

Piano Casa in Calabria

piano-casa-in-calabria.gif

E’ stato illustrato dall’assessore ai Lavori Pubblici Luigi Incarnato e dall vicepresidente Domenico Cersosimo il Piano per la casa contenuto in un protocollo sottoscritto dalle amministrazioni Comunali di Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Crotone, Vibo Valentia, Lamezia Terme e Corigliano Calabro.

L’intervento prevede un investimento complessivo di 230 milioni di euro da indirizzare su tre direttrici:
– 60 milioni di euro per recuperare interventi previsti nei contratti di quartiere dei Comuni sottoscrittori dell’intesa;
– 155 milioni per il Piano di edilizia locativa e privata;
– 15 milioni di euro per l’abbattimento delle barriere architettoniche, sia nelle abitazioni privati che in alloggi Erp, per le incompiute dell’Aterp e per contributi per l’acquisto di autoclave destinati alle case Erp.

“È un programma innovativo – ha dichiarato l’assessore Incarnato – con un forte significato sociale. Il nostro obiettivo è di riuscire a coniugare l’assolvimento delle esigenze abitative con soluzioni di qualità, operando anche per il recupero di aree degradate in comuni individuati con criteri legati alla popolazione, ma dove sono già in essere i contratti di quartiere.

Perciò è stato messo in cantiere un programma di 155 milioni di euro per l’edilizia locativa e privata, allo scopo di venire incontro alle necessità che riguardano particolari categorie come giovani coppie in difficoltà, anziani, extracomunitari e ragazze madri.
Inoltre, è necessario anche dare risposte concrete a circa 1.200 famiglie che, dal 2004 ad oggi, sono ancora in attesa di un contributo per l’abbattimento di barriere architettoniche.

Altri 15 milioni di euro – ha proseguito l’assessore ai Lavori Pubblici – sono stati destinati alle incompiute nell’ambito delle Aterp, individuate in base ad un censimento, mentre tutti i condomini di edilizia residenziale pubblica potranno accedere ad un finanziamento del cinquanta per cento a fondo perduto per dotarsi di una cisterna con autoclave”.

L’assessore Incarnato ha auspicato “la collaborazione di tutti per poter cantierizzare le opere entro un anno. A questo scopo – ha concluso – abbiamo fatto un bando dinamico che già all’indomani della sua pubblicazione sarà attivo e renderà possibile il finanziamento dei progetti che perverranno”. 

 “Non è accettabile – ha evidenziato il vicepresidente Cersosismo – che esistano situazioni di preclusione per persone che hanno difficoltà a fruire di servizi e attività per gli ostacoli dovuti alla condizione degli edifici abitativi.
Pertanto, è importantissima la scelta di sanare al 31 dicembre prossimo tutte le richieste relative all’abbattimento delle barriere architettoniche che erano ferme dal 2004”.

Fonte: www.regione.calabria.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico