Questo articolo è stato letto 0 volte

Piano Casa, la parola ad Ance e Legambiente

piano-casa-la-parola-ad-ance-e-legambiente.gif

Mentre è in corso l’iter governativo per l’approvazione del "Piano Casa" che, dopo l’incontro tra il presidente del consiglio Berlusconi e il capo dello stato Napolitano, pare avviarsi verso la trasformazione in decreto legge, le associazioni del settore delle costruzioni e quelle in difesa dell’ambiente commentano i provvedimenti  sull’edilizia residenziale annunciati nei giorni scorsi dal Governo.

Non sempre chi "cementifica" il paese e chi ne difende il polmone verde sono su posizioni contrapposte. A dimostrarlo è il comunicato congiunto di Ance e Legambiente sul Piano Casa che riportiamo.

"ANCE e Legambiente condividono la necessita` di riqualificare e rinnovare il patrimonio edilizio individuando provvedimenti immediati ed efficaci anche per la loro possibile funzione anticongiunturale.

A tal fine ritengono opportuno che questa azione debba avvenire nell`ambito di una politica industriale del settore delle costruzioni che migliori  la qualita` del prodotto, sostenga la professionalita` e la competenza degli attori del processo, stimoli l`interesse e la sensibilita` dei consumatori verso prodotti di qualita`".

"Nei maggiori Paesi industrializzati ed, in particolar modo nei principali Paesi Europei – aggiungono -, il percorso piu` efficace individuato e` di legare la riqualificazione del patrimonio immobiliare ad obiettivi di efficienza energetica e di diffusione dell`uso delle fonti rinnovabili.

Un obiettivo ribadito dalla nuova direttiva 91/02 in discussione al Parlamento Europeo  che ne prevede l`applicazione in tutti gli interventi di riqualificazione del patrimonio edilizio esistente.

L`edilizia sostenibile del resto e` uno dei “Mercati di punta“ dei prossimi anni su cui scommette la Commissione Europea per sviluppare innovazione, muovere nuove filiere produttive, ridurre il consumo di energie di fonte fossile e di provenienza estera, contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2 e conseguentemente, per il nostro Paese, contenere le sanzioni previste dal protocollo di Kyoto e dal pacchetto energia-ambiente 20.20.20".

ANCE e Legambiente ritengono fondamentale che il provvedimento che il Governo si appresta a varare in materia di Edilizia – il cosiddetto “Piano casa“ – promuova interventi che contribuiscano a rendere piu` moderno, efficiente e di qualita` il patrimonio edilizio italiano.

Per questo suggeriscono che gli aumenti di cubatura previsti siano legati ad obiettivi di risparmio e di riqualificazione energetica anche, dove tecnicamente possibile, attraverso l`uso di energie da fonte rinnovabile.

"L`efficienza ed il miglioramento delle prestazioni energetiche del patrimonio esistente e delle demolizioni e ricostruzioni, cosi` come per le nuove costruzioni – proseguono Ance e Legambiente -, deve costituire non solo un obbligo, in assolvimento agli impegni internazionali assunti, ma una scelta politica con cui riqualificare il patrimonio immobiliare e sostenere, anche con adeguati incentivi – volumetrici od economici – l`innovazione del settore.

La semplificazione degli adempimenti in materia edilizia e` un obiettivo non solo da condividere, ma da sottoscrivere. Il difficile rapporto con la Pubblica Amministrazione, spesso non in grado di rispondere nei tempi previsti dalle leggi,  e` una delle debolezze non solo del settore delle costruzioni, ma spesso di tutto il Paese.

La soluzione, qualsiasi essa sia (tempi certi alle procedure vigenti, nuove procedure accelerate), deve pero` consentire un percorso che premi la qualita` degli interventi e la professionalita` degli operatori, definendo certezze piu` che deregolazioni generalizzate".

"E` importante a questo avviso un confronto con le Regioni, sia per verificare esperienze gia` avviate sul territorio, sia per valutare le modalita`  con cui disciplinare la realizzazione degli  interventi che non possono semplicemente aggiungere nuovi volumi, ma debbono definire con chiarezza le tipologie di intervento, i caratteri, le aree e le categorie in cui e` permesso od in cui e` escluso – conludono le due associazioni – . Non e` nell`interesse di nessuno realizzare manufatti di scarsa qualita`.

E` invece interesse di tutti valorizzare la possibilita` che dalla riqualificazione del patrimonio edilizio possa venire una nuova qualita` del progettare e del costruire che permetta a tutti – architetti, imprenditori, Enti locali – di valorizzare un settore tanto importante per l`economia italiana, ma soprattutto di valorizzare l`identita` del paesaggio e delle citta` italiane".

Fonte: www.ance.it

 
 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico