Questo articolo è stato letto 0 volte

Piano Casa Veneto, ok al DDL per la stabilizzazione

piano-casa-veneto-ok-al-ddl-per-la-stabilizzazione.jpg

Il DDL è stato predisosto con il contributo tecnico-giuridico della Direzione Urbanistica e Paesaggio ed è intitolato “Provvedimenti per il sostegno al settore edilizio e per la riqualificazione delle aree degradate del Veneto. Piano di sviluppo edilizio”, prevede tutta una serie di misure atte a fronteggiare il perdurare della crisi dell’edilizia e del mercato immobiliare.

Trattandosi di un DDL che rivoluzionerà il Piano Casa del Veneto, riprendiamo in dettaglio le principali novità (le avevamo già anticipate in Nuovo Piano Casa in Veneto):

– Il Nuovo Piano Casa non avrà scadenza e sarà esteso anche agli edifici realizzati sino all’entrata in vigore della nuova legge. Sono previsti ulteriori incentivi, a seconda della destinazione d’uso dell’immobile, in termini di aumenti della cubatura o della superficie coperta. Vengono predisposte misure specifiche per consentire la definitiva messa in sicurezza degli edifici esistenti in zona soggetta a rischio idraulico e geologico.

– Introdotto il concetto di volume minimo garantito che assicura, per gli edifici residenziali esistenti, di limitate dimensioni, di poterli ampliare almeno di 150 mc.

– Qualora l’intervento riguardi la prima casa di abitazione non si dovrà versare alcun contributo di costruzione al Comune.

– Per gli edifici a schiera, viene consentito di applicare i benefici del Piano Casa per ogni singola unità abitativa.

– L’ulteriore incremento del bonus del 10%, derivante dall’installazione di fonti di energia rinnovabile, verrà concesso per l’utilizzo di una qualsiasi di queste fonti di energia rinnovabile.

– Gli interventi di demolizione e ricostruzione, con gli ampliamenti previsti dal Piano Casa, vengono semplificati nelle procedure con ulteriori aumenti di cubatura.

– Sono previste misure specifiche per migliorare l’accessibilità agli edifici esistenti, semplificando l’iter per l’installazione di ascensori esterni.

– Vi sono poi una serie di misure per la riqualificazione delle aree degradate, con l’utilizzo del permesso di costruire in deroga e specifici incentivi che dovrebbero consentire il recupero di ambiti urbani caratterizzati da degrado urbanistico, edilizio ma anche sociale ed economico con specifiche azioni premiali.

– Sono infine previste una serie di disposizioni relative alla localizzazione delle medie e grandi strutture di vendita.

Il disegno di legge, una volta approvato dal Consiglio regionale, diverrà di fatto il Nuovo Piano Casa del Veneto.


Fonte Regione Veneto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>