Questo articolo è stato letto 0 volte

Piemonte: ambiente e territorio

piemonte-ambiente-e-territorio.gif

I provvedimenti della Giunta Regionale 
Durante l’ultima seduta la Giunta ha approvato:

 su proposta dell’assessore Daniele Borioli, la graduatoria dei finanziamenti per le opere riguardanti la navigazione sui laghi piemontesi (9 progetti, per un totale di due milioni di euro, che puntano a integrare le funzioni turistiche e di intrattenimento con la tutela dell’ambiente e del paesaggio) e l’assegnazione alla Provincia di Cuneo di 164.000 euro per la progettazione preliminare del nuovo asse viario Cuneo-Caraglio-Dronero, variante alla sp 422;

– su proposta dell’assessore Nicola de Ruggiero, il programma di finanziamento 2008 degli interventi di bonifica e ripristino ambientale di siti inquinati, che comprende i siti Baraggia Santa Maria a Roasio, Grange Sises e Rio Comba Cassen a Sauze di Cesana, Adewil a Villadeati, Nuova Rifiuteria di Avigliana, Rio Valgaiana a Pogno, stadio Silvio Piola di Novara, Car Fluff di Revello, Cantine dei Colli di Fara Novarese, area Cantabaccio di Settimo Torinese, Museo delle miniere d’oro di Macugnaga, Aseri di Vercelli, ex area Ruga di Villadossola, Framet di Villafranca Piemonte, strada Crotti di Ciriè ed ex CPF di Grugliasco.
*****

Bonifica dall’amianto di Casale Monferrato
Regione Piemonte ed il Ministero per l’Ambiente hanno firmato il 30 settembre a Roma l’atto integrativo dell’accordo di programma del 27 aprile 2006 relativo alla bonifica da amianto dell’area di Casale Monferrato.

“L’atto – precisa l’assessore regionale all’Ambiente, Nicola de Ruggiero – prevede l’utilizzo di altri 6,5 milioni di euro finalizzati alla realizzazione degli interventi sul polverino e sulle coperture. Avevamo chiesto e ottenuto che l’iter fosse concluso entro settembre, dopo le preoccupazioni che erano emerse durante l’estate per i tagli ai fondi nazionali già stanziati che, per il Piemonte, dopo una lunga trattativa, sono rimasti invariati. Possiamo così continuare un lavoro positivo e diffuso”.

L’area del sito di interesse nazionale, perimetrata con un decreto del Ministero dell’Ambiente del 10 gennaio 2000, comprende il territorio di 48 Comuni, dei quali 45 in provincia di Alessandria, due in provincia di Vercelli e uno in provincia di Asti.

L’intervento consiste nella decontaminazione da amianto attraverso la bonifica di utilizzi impropri degli sfridi di produzione dei manufatti di cemento-amianto (polverino) e delle coperture in eternit.
Il soggetto attuatore dell’intervento è il Comune di Casale Monferrato (capofila sulla base di accordo di programma tra i Comuni).

Gli interventi sono eseguiti su aree non confinate (cortili, strade, ecc.) e su aree confinate (i sottotetti), quelli di rimozione di coperture sono eseguiti su edifici residenziali, commerciali ed industriali di vario genere.

Fonte: www.regione.piemonte.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico