Questo articolo è stato letto 1 volte

Plusvalenze o minusvalenze per il professionista

plusvalenze-o-minusvalenze-per-il-professionista.gif

L’estromissione di beni mobili strumentali dal regime di lavoro autonomo genera plusvalenza tassabile o minusvalenza deducibile solo se riferita a beni mobili acquistati dal professionista dopo l’entrata in vigore del DL 223/2006, cioè dopo il 4 luglio 2006.
Il contribuente, esercente un’attività professionale, chiedeva se, a seguito dell’entrata in vigore del D.L. 4 luglio 2006, n. 223, che ha modificato le regole di determinazione del reddito di lavoro autonomo, la cessione di beni mobili strumentali, acquistati dal prima del 4 luglio 2006, genera una plusvalenza imponibile ai sensi dell’art. 54, comma 1-bis del TUIR.

L’Agenzia, avvalorando la tesi suggerita dal professionista istante, ha ricordato il comma 1-bis, art. 54 del TUIR (successivamente modificato dalla Legge Finanziaria 2007) che recita come di seguito:

"Concorrono a formare il reddito le plusvalenze dei beni strumentali, esclusi (…), se:
– sono realizzate mediante cessione a titolo oneroso;
– sono realizzate mediante il risarcimento, anche in forma assicurativa, per la perdita o il danneggiamento dei beni;
– i beni vengono destinati al consumo personale o familiare dell’esercente l’arte o la professione o a finalità estranee all’arte o professione".

Il comma 1-ter dello stesso articolo precisa che le plusvalenze (e le minusvalenze) sono date dalla differenza positiva (o negativa) tra il corrispettivo o l’indennità percepiti e il costo non ammortizzato. In assenza di corrispettivo, sono date dalla differenza tra il valore normale del bene e il costo non ammortizzato. Nell’ipotesi di beni il cui costo non sia integralmente deducibile, le plusvalenze e le minusvalenze patrimoniali rilevano nella stessa proporzione esistente tra l’ammontare dell’ammortamento fiscalmente dedotto e quello complessivamente effettuato.

Sinteticamente è questo il contenuto della risoluzione 310/E dell’Agenzia delle Entrate del 21 luglio, in risposta all’interpello di un contribuente riguardante la cessione di beni mobili strumentali.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico