Questo articolo è stato letto 0 volte

Prevenzione in edilizia nelle Marche

prevenzione-in-edilizia-nelle-marche.gif

Accrescere la sicurezza, migliorare la vigilanza per contrastare gli infortuni in edilizia: un settore che rappresenta la priorita` nazionale per la frequenza e la gravita` degli incidenti sul lavoro, con 3.000 denunce solo nelle Marche.

Sono gli obiettivi della campagna di comunicazione a sostegno del Piano nazionale di prevenzione che coinvolgera` anche la nostra regione nei mesi di marzo e aprile.

L’INAIL, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, il Ministero del Lavoro e il Ministero della Salute, con il coinvolgimento degli organismi bilaterali dell’edilizia, hanno avviato uno specifico Piano nazionale di prevenzione per allargare l’attenzione verso comportamenti sicuri tra i lavoratori del settore, diffondendo la cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro.

Nelle Marche, fin dal 2006, e` attivo un tavolo regionale che coordina le iniziative integrate di promozione della salute e sicurezza in questo comparto, composto dall’INAIL, dalla Regione e ASUR Marche, dalla Direzione Regionale del Lavoro e dai quattro Comitati Paritetici Territoriali per l’Edilizia e dall’Edilart.

Sara` questo tavolo che coordinera` la campagna di comunicazione, per diffondere capillarmente, attraverso spot televisivi, radiofonici, manifesti e iniziative pubbliche, informazioni mirate ai lavoratori e ai datori di lavoro, al fine di migliorare la sicurezza nei cantieri. E’ gia` attivo, a sostegno della campagna, il sito nazionale http://www.prevenzionecantieri.it/. realizzato dai partner del progetto con la finalita` di far conoscere le buone prassi per lavorare in sicurezza.

Fonte: www.regione.marche.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>