Questo articolo è stato letto 0 volte

Prima Casa, fondi per le giovani coppie in Emilia Romagna

prima-casa-fondi-per-le-giovani-coppie-in-emilia-romagna.gif

Tredici milioni e 300 mila euro per sostenere l’acquisto della casa per giovani coppie emiliano-romagnole. È questo quanto previsto dal programma ‘Una casa alle giovani coppie’ varato dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla programmazione e sviluppo territoriale Gian Carlo Muzzarelli.

Nelle prossime settimane inizierà, con la Commissione, l’esame del provvedimento da parte dell’Assemblea legislativa.

Le giovani coppie potranno acquistare la prima casa di proprietà dopo un periodo di locazione di massimo quattro anni a canone inferiore a quello di mercato e comunque non superiore ai 400 euro mensili.

Il programma, che prende le mosse dalla legge regionale 24 del 2001, prevede che gli operatori economici – individuati attraverso Intercenter – mettano a disposizione appartamenti con determinate caratteristiche tecniche e a prezzi vantaggiosi.

Le giovani coppie entro due mesi dalla pubblicazione della lista degli alloggi disponibili potranno sottoscrivere un pre-contratto con l’operatore proprietario dell’alloggio prescelto.

Poi, attraverso internet, per ottenere il contributo regionale dovranno manifestare il proprio interesse all’acquisizione di un alloggio in locazione, con proprietà differita, attraverso una procedura di selezione informatica denominata ‘Click-day Giovani coppie’ collocata sul sito di Intercenter.
La graduatoria terrà conto dell’ordine cronologico di prenotazione informatica.

I requisiti per fare domanda
“Un ulteriore tassello per fornire risposte sempre più adeguate alle esigenze abitative. La Regione intensifica così il proprio impegno nel campo dell’edilizia residenziale.

Purtroppo – sottolinea l’assessore regionale alla Programmazione e sviluppo territoriale Gian Carlo Muzzarelli – a causa della particolare congiuntura economica negativa, il soddisfacimento della domanda di abitazioni a prezzi accessibili è particolarmente problematico per i giovani che vogliono costruire una prospettiva futura.

Per questo abbiamo promosso un programma di politica abitativa che possa fornire un aiuto concreto alle giovani coppie che non riescono ad acquistare casa alle condizioni di mercato”.

I componenti delle coppie destinatarie del contributo per un alloggio debbono avere, entrambi, al massimo 35 anni. Almeno uno dei componenti la coppia deve possedere la residenza anagrafica o svolgere un’attività lavorativa in un Comune dell’Emilia-Romagna: il valore Isee (indicatore della situazione economica equivalente) del nucleo già costituito o costituendo non deve superare 40 mila euro.

I 13 milioni e 300 mila euro messi a disposizione dalla Regione andranno a sostenere un contributo unitario per alloggio di importo massimo non superiore a 10 mila euro che possono arrivare a 13 mila euro (incremento del 30%) per gli appartamenti  realizzati con tecniche costruttive che garantiscano l’applicazione integrale dei requisiti di prestazione energetica degli edifici e degli impianti energetici previsti dalla legislazione in materia.

Gli alloggi (con una superficie utile non superiore a 95 metri quadrati) dovranno essere localizzati nei Comuni della Regione Emilia-Romagna e disponibili alla data di pubblicazione sul Bur del bando e in quella data debbono aver ottenuto il certificato di conformità edilizia e agibilità da non più di quattro anni.

Inoltre, potranno essere finanziati anche alloggi il cui il certificato di conformità edilizia e agibilità sarà rilasciato al massimo entro il 31 dicembre 2010.

Fonte: www.regione.emilia-romagna.it

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>