Questo articolo è stato letto 5 volte

Programma 6000 Campanili: l’elenco (ufficiale) dei Comuni ammessi

programma-6000-campanili-lelenco-ufficiale-dei-comuni-ammessi.jpg

È giunta la scorsa settimana la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto delle Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 20 gennaio 2015 che riporta l’elenco completo degli interventi ammessi al primo Programma “6000 Campanili”.

Il programma definisce i punti fondamentali per porre in essere il piano di tutela infrastrutturale rivolto ai piccoli Comuni italiani, con lo specifico obiettivo di conferire inerzia positiva all’economia locale per opere infrastrutturali di piccola entità (tra i 500mila euro e il milione di euro di valore) nei Comuni che possiedono meno di 5mila abitanti.

Per comprendere le basi del piano leggi il nostro articolo dello scorso anno intitolato Programma 6000 Campanili, arriva la nuova scansione dei finanziamenti.

Il testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale riporta in allegato sotto la lettera A l’elenco puntuale degli interventi finanziati nei limiti dell’importo disponibile di 100 milioni di euro, individuati tramite scorrimento della graduatoria già predisposta in attuazione del Primo Programma 6000 Campanili. Per tutte le informazioni relative a tutti i Comuni coinvolti nel piano scarica qui l’allegato con l’elenco degli interventi ammessi.

Sono 119 i Comuni ammessi al Programma 6000 Campanili, si legge nel provvedimento. Tra le tematiche toccate si allineano differenti tipologie di intervento: dalla qualificazione e manutenzione del territorio alla riqualificazione degli edifici esistenti passando per la riduzione del rischio idrogeologico. Nell’ultima fase del piano sono stati assegnati 100 milioni di euro: ogni progetto vincitore potrà usufruire di risorse da 500mila a 1 milione di euro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>