Questo articolo è stato letto 1 volte

Puglia: arrivano incentivi anche per l’edilizia alberghiera

puglia-arrivano-incentivi-anche-per-ledilizia-alberghiera.gif

Altro giro, altra corsa: 155 milioni di euro destinati a imprese di ogni dimensione definiscono la consistenza dei bandi che si attiveranno a partire dal 3 giugno nella Regione Puglia: l’idea è quella di attrarre investimenti nel territorio regionale.

Varati dall’assessorato regionale pugliese allo Sviluppo economico, i quattro nuovi incentivi puntano a spingere le aziende ad innovare processi e prodotti, fare ricerca industriale e sviluppo sperimentale, internazionalizzarsi, lanciarsi nell’e-business e diventare più competitive sui mercati, nonché a convincere investitori esteri ad aprire un insediamento in Puglia, garantendo nuove opportunità di sviluppo e di lavoro.

Tra le quattro modalità di incentivo previste in Regione, rivestono particolare interesse i Programmi Integrati di Agevolazione – PIA Turismo: in tale tipologia gli investimenti devono mettere a fuoco l’obiettivo di migliorare l’offerta turistica territoriale per favorire la destagionalizzazione e possono essere compresi tra 3 e 40 milioni di euro per le grandi imprese, tra 2 e 30 milioni per le medie imprese, tra 1 e 20 milioni per le piccole imprese, per le Pmi aderenti all’iniziativa della grande o della media impresa l’importo complessivo degli investimenti deve partire da 1 milione di euro.

Leggi anche l’articolo Puglia: siglato accordo per la rigenerazione del contesto urbano.

L’incentivo rende possibile l’apertura di nuove attività turistico-alberghiere, l’ampliamento e l’ammodernamento di quelle esistenti, la realizzazione di strutture turistico-alberghiere attraverso il restauro di immobili di interesse artistico e storico o di edifici rurali, masserie, trulli, torri e fortificazioni, la realizzazione di strutture e impianti che migliorano l’offerta turistica. L’incidenza dell’incentivo ammonta del 25% per le grandi imprese, del 35% per le medie imprese e del 45% per le piccole imprese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>