Questo articolo è stato letto 0 volte

Puglia, nuova legge sulle rinnovabili

puglia-nuova-legge-sulle-rinnovabili.gif

E’ in vigore dal 25 settembre 2012 la Legge regionale “Regolazione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili”. 

Il testo normativo detta i principi e le linee guida per la programmazione energetica regionale, nell’ambito delle competenze attribuite alla Regione, con specifico riferimento al settore della produzione di energia da fonti rinnovabili.

La legge n.25/2012  è pubblicata, con dichiarazione di urgenza, nel Bollettino Ufficiale della Regione n.138 supplemento del 25 settembre 2012.

La Puglia ha così una normativa per la promozione dell’uso delle rinnovabili e recepisce le norme comunitarie e nazionali più recenti. Inoltre, la regione guadagna l’apertura al mercato del lavoro rivolto a giovani figure professionali, tra cui ingegneri, informatici e tecnici.

La legge approvata indica la via da seguire:
– impianti innovativi;
– mobilità sostenibile;
– impianti di accumulo;
– efficientamento energetico degli edifici;
– nuovo piano energetico regionale che recepisce le direttive nazionali e comunitarie in tema di Burden Sharing (Leggi anche Rinnovabili e Burden Sharing, in Gazzetta il decreto)

La legge coinvolge appieno i comuni nella nuova pianificazione, coinvolgimento che consentirà di effettuare un monitoraggio accurato sulle iniziative già in atto e sui soggetti proponenti, richiesto ai fini di una piena trasparenza di procedure e procedimenti.

Le nuove norme salvaguardano le iniziative già consolidate e in corso di realizzazione, prevedendo termini e adempimenti meno restrittivi per le imprese del settore già in possesso di autorizzazioni uniche, che devono superare i maggiori ostacoli posti dagli investitori per effetto del cambiamento radicale nel quadro normativo statale concernente le incentivazioni tariffarie.

Questo consentirà in futuro anche di prevenire ulteriori contenziosi amministrativi con gli operatori del settore. In particolare, il Quinto conto energia ha cambiato il mondo delle fonti rinnovabili: si è passati da un sistema di incentivi predeterminati a un sistema di incentivazione basato essenzialmente su meccanismi che prevedono delle procedure di ‘asta’ al ribasso a contingenti produttivi predeterminati..

La legge approvata introduce semplificazioni per gestire le modifiche progettuali frequenti nella fase esecutiva di realizzazione degli impianti, aumentando il ruolo dei comuni. È stata attuata una semplificazione delle procedure nella direzione delle imprese.

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico